MotoGP, cancellati i Gran Premi di Silverstone e di Phillip Island

MotoGp
Vera Spadini

Vera Spadini

I due Gran Premi sono stati cancellati a causa del perdurare dell'emergenza Coronavirus nei due Paesi ospitanti. Torneranno nel 2021. Il CEO di Dorna Ezpeleta: "Rattristati, ma non vediamo l'ora di tornare"

MOTOGP: CANCELLATO IL GP DEL GIAPPONE

Il calendario della MotoGP si sfoltisce ulteriormente, con la cancellazione di due delle tappe più amate del motomondiale. Mentre i piloti si preparano alla gara virtuale di domenica sul circuito di Silverstone, quella reale è stata ufficialmente eliminata, insieme a Phillip Island, attraverso un comunicato congiunto di FIM, IRTA e Dorna.

 

Il GP di Inghilterra era in programma nel weekend del 28-30 agosto, quello australiano il 23-25 ottobre. Silverstone è entrato nel calendario nel 1977, per tornarci 10 anni fa dopo il passaggio a Donington. Per la prima volta in oltre 70 anni di storia la Gran Bretagna non ospiterà il Gran Premio. Phillip Island, Dopo il biennio 89-90, è stata tappa fissa dal 97, ed è una delle piste più apprezzate da tutti i piloti

 

Il lavoro di salvataggio degli organizzatori del Mondiale non può prescindere dai costi: la mancanza di pubblico non rende sostenibili le spese, soprattutto nelle trasferte extra-Europa. I circuiti che restano disponibili puntano sulla possibilità di avere almeno una percentuale di spettatori consentiti, o sui finanziamenti dei promotori.

Ezpeleta: "Rattristati, non vediamo l'ora di tornare"

"Siamo molto dispiaciuti che sia stato cancellato l'evento di MotoGP - ha dichiarato Stuart Pringle, AD di Silverstone – così come per la cancellazione del 2018, ma stavolta abbiamo supportato la decisione visti i tempi difficili e particolari. Ringrazio gli stoici tifosi inglesi per il loro sostegno e la pazienza, e lavoreremo duro per rendere la gara del 2021 un evento eccezionale".

 

Paul Little, presidente dell’Australian Grand Prix Corporation, ha aggiunto: "Siamo estremamente dispiaciuti per gli appassionati del MotoGP di Victoria, dell’Australia e di tutto il mondo perché quest’anno non potranno vedere i migliori piloti gareggiare su uno dei migliori circuiti del pianeta, ma è stata presa la decisione giusta. Il GP d’Australia tornerà ancora più bello nel 2021".

 

Carmelo Ezpeleta, AD di Dorna Sports, ha commentato: "Ci rattrista dover annunciare la cancellazione di questi eventi iconici a causa di problemi logistici e operativi derivanti dalla pandemia di coronavirus e dalla riorganizzazione del calendario. Silverstone e Phillip Island sono sempre stati due degli appuntamenti più emozionanti della stagione, ed entrambe le piste non vengono mai a meno alla promessa di offrire alcune delle gare più avvincenti del nostro campionato. A nome di Dorna, vorrei ringraziare ancora una volta i tifosi per la loro comprensione e pazienza nell’attesa che la situazione migliori. Non vediamo l’ora di tornare a Silverstone e Phillip Island il prossimo anno per altre incredibili battaglie". Intanto si aspetta la decisione del governo spagnolo, per dare il via libera definitivo alla partenza del mondiale a Jerez il 19 luglio.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.