MotoGP, GP Teruel. Dovizioso e Petrucci: "Non abbiamo ancora parlato dopo il GP di Aragon"

ducati

I due piloti ufficiali Ducati non si sono ancora chiariti dopo le incomprensioni nate nelle qualifiche del GP di Aragon. Dovizioso: "Con Danilo non abbiamo parlato durante il viaggio di ritorno, eravamo stanchi". Petrucci: "Siamo un po' esausti, tutti ci chiedono di parlare di questo episodio, io e Andrea non volevamo girare il coltello nella piaga. Faremo questa gara e poi parleremo con calma, adesso non è importante guardare indietro"

GP TERUEL, LA GARA DI MOTOGP LIVE

Dovizioso e Petrucci avevano chiuso il primo GP di Aragon con una buona intenzione: chiarirsi durante il viaggio di ritorno verso l’Italia, dopo le scintille scaturite nelle qualifiche. Purtroppo il confronto sembra ancora non essere arrivato: i due piloti Ducati, intervistati da Sandro Donato Grosso prima del GP del Teruel (secondo appuntamento consecutivo al Motorland), hanno dichiarato di non avere ancora parlato dopo quell'episodio tanto discusso, che ha fatto riemergere nel paddock il tema degli ordini di scuderia (con la Ducati che ha subito chiarito come, nel box della Rossa, non esistono ordini di scuderia).

Dovizioso: "Parlare con Petrucci? Eravamo stanchi"

approfondimento

Rins: "Ordini di scuderia? Pronto ad aiutare Mir"

Dovizioso, con un mezzo sorriso, ha spiegato: "Non ho parlato con Petrucci durante il viaggio di ritorno, eravamo stanchi". Bagnaia non si è nascosto e ha pubblicamente dichiarato che sarebbe pronto ad aiutare Dovizioso nella lotta per il Mondiale, senza il minimo problema. "Non ho parlato con Pecco, ma se l’ha detto, ne sono ben felice – ha risposto Andrea in conferenza stampa –. Ma fino ad ora, nessuno mi ha parlato di ordini di scuderia. Quindi mi concentro solo su come migliorare la mia velocità in pista".

Petrucci: "Parleremo con calma dopo il GP Teruel"

approfondimento

Ciabatti: "Non esistono ordini di scuderia"

Anche Petrucci ha confermato di non aver ancora avuto un chiarimento con Dovizioso: "Siamo un po' esausti dal fatto che ci hanno chiesto migliaia di volte di parlare di questo episodio, io e Andrea non volevamo girare il coltello nella piaga nel viaggio di ritorno. Faremo questa seconda gara ad Aragon e poi parleremo con calma. Secondo me non è importante guardare indietro, piuttosto dobbiamo fare meglio in questo GP del Teruel"

La conferenza stampa di Dovizioso

approfondimento

GP Teruel, si corre ancora ad Aragon: gara alle 13

Non solo il mancato chiarimento con Petrucci, Dovizioso ha affrontato anche altri temi nella conferenza stampa che precede il GP del Teruel: "Abbiamo avuto problemi nell'ultimo weekend, soprattutto per quanto riguarda la temperatura. Non avevamo il ritmo dei piloti più veloci, ma il Mondiale è ancora aperto, anche se non sarà facile perché i miei avversari vanno veloce su tutti i tracciati. Il GP del Teruel non sarà facile, come tutte le 'doppie’ sullo stesso circuito, perché ogni team avrà informazioni in più. Ma noi non dobbiamo smettere di lottare. Non sono mai stato talmente forte in questa stagione per giocarmi il Mondiale, ma i fatti dicono che ci sono anche io, quindi adesso proverò a sfruttare le mie opportunità fino alla fine. Se nessuno di noi è costante, non è perché mancano piloti di riferimento: significa semplicemente che ci manca qualcosa per essere costanti. Ogni gara è una storia diversa, ma sicuramente Mir è il candidato principale a diventare il nono vincitore diverso di questa stagione. Ci avviciniamo a un weekend molto importante, rimangono solo quattro gare, non restano molti punti per provare a lottare per il Mondiale. Sarà difficile, ma possiamo essere più veloci della settimana scorsa, anche grazie al meteo che sembra migliore. Proveremo a partire dalle prime due file".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche