Valentino Rossi chiude 16° il GP di Doha: "Ma qualche piccola cosa positiva c'è"

petronas

Rossi chiude il GP di Doha al 16° posto: "Quando parti così indietro è difficile. Il problema è che qui a Losail si corre con le soft, e io con le gomme soft soffro, ho molta vibrazione. Però siamo andati molto più forte rispetto a domenica scorsa, abbiamo trovato delle cose migliori, soprattutto con l’elettronica". Morbidelli è 12°: "Abbiamo provato di tutto, la scelta migliore, ultima, disperata, è stata di tornare a una configurazione uguale a quella di inizio 2020"

GP DOHA, GLI HIGHLIGHTS DELLA GARA

Un altro weekend complicato per il team Petronas. Rossi, dopo aver chiuso 12° nel primo GP del Qatar, questa volta ha tagliato il traguardo 16° nel secondo appuntamento svolto sul circuito di Losail. "Per quello che mi riguarda, questo weekend è stato veramente difficile, abbiamo fatto tanta fatica – spiega Valentino al termine della domenica –. Però stamattina abbiamo trovato delle cose migliori, soprattutto con l’elettronica. Nel warm up ero l’unico con le dure, ma sono andato comunque abbastanza bene, avevo fatto il decimo tempo, ma poi ho toccato il verde e mi hanno tolto il tempo.  Però il passo non era malissimo, quindi mi aspettavo di poter arrivare nei primi dieci in gara. Sono anche partito bene, ma nei primi giri mi mancava qualcosa, non ero abbastanza veloce. Il problema è che vanno tutti fortissimo, tutte le moto vanno veloce, quindi quando parti così indietro è veramente difficile. Pensavo di essere un po' più veloce. È dura. Sabato è stato veramente nero, andavo davvero piano. Poi per fortuna abbiamo parlato e abbiamo modificato un po' di cose, riuscivo a guidare meglio, quindi qualche piccola cosa positiva c’è".

Rossi e i problemi con le gomme

vedi anche

Miller-Mir, carenata al limite: nessuna sanzione

Rossi analizza il problema con le gomme che si porta dietro da diverso tempo: "Siamo andati molto più forte rispetto a domenica scorsa, ma sono andati tutti molto più forte. In realtà venerdì e sabato ho sofferto con le gomme dure, andavo veramente piano, ho provato a fare qualcosa per salvare la gomma, ma abbiamo preso una direzione sbagliata. Invece stamattina andavo forte con le gomme dure, avevo un buon passo, con tempi che non avevo mai fatto. Il problema è che qui a Losail si corre con le soft, e io con le gomme soft soffro perché dietro inizio a scivolare, come se stressassi troppo la gomma, poi ho molta vibrazione, faccio fatica e devo sempre rallentare. Però le gomme sono le stesse per tutti, quindi bisogna usare queste. Tuttavia le carte si possono mescolare in un’altra pista dove si useranno gomme diverse".

Morbidelli: "Siamo tornati alla configurazione 2020"

approfondimento

Zarco sale in testa al Mondiale: la classifica

Problemi anche per Franco Morbidelli. Il pilota Petronas, dopo aver chiuso 16° il primo GP in Qatar, è arrivato 12° nel secondo GP svolto a Losail una settimana dopo. "La situazione è stata difficile in queste due gare, abbiamo fatto molta fatica a capire cosa non andasse con la moto. Per qualche motivo non riuscivamo a guidare con lo stesso setting che ho usato nelle ultime cinque gare del 2020, non avevo lo stesso feeling dell’anno scorso e la mia velocità è stata molto altalenante durante i due weekend. Questa mattina abbiamo fatto una modifica abbastanza grande, abbiamo rivisto la moto, l’abbiamo rimessa com’era all’inizio del 2020 e mi sono trovato meglio, infatti in gara il giro veloce è stato uguale a quello di chi ha vinto, ma i problemi sono diventati gli stessi del 2020. Ho consumato di più la gomma e ho fatto molta fatica. Ma è stato il compromesso migliore, in nove giorni siamo riusciti a capirci poco. Abbiamo provato di tutto, la scelta migliore, ultima, disperata, è stata di tornare a una configurazione uguale a quella dell’inizio del 2020, con questa ho fatto una gara almeno decente. Ho lottato, mi sono divertito con la moto identica all’anno scorso. Questa categoria è molto complessa, ci sono tanti aspetti e numeri da analizzare, tanti valori. Siamo in tre, lo zoccolo duro della mia squadra è composto da tre persone, per cui ci mettiamo magari più tempo a capire le cose, è successo anche l’anno scorso, speriamo di venirne a capo. La gara di Rossi? Non ho visto approfonditamente i suoi dati, non so che problemi abbia avuto di preciso. Noi dobbiamo affidarci solo ai nostri dai, avendo una moto diversa".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.