Marquez: "Dovrò subire una nuova operazione a causa dell'infortunio al braccio destro"

MotoGp
©Getty

Al termine delle qualifiche del Mugello, Marquez ha annunciato che dovrà subire il quarto intervento all'omero del braccio destro: "Non è stata una decisione facile, ho fatto di tutto per evitarla. Il mio braccio non è più nella sua posizione naturale, c'è troppa rotazione. Non ho idea di quando tornerò, inizierò a preparami per il 2023, la Honda mi sostiene e crede in me. Per me non ha senso girare così, sto troppo male. Se non avessi questo carattere, mi sarei già ritirato"

MOTOGP, LA GARA DEL MUGELLO LIVE

Marquez si ferma ancora. Dopo aver chiuso le qualifiche del GP Italia all’undicesimo posto, lo spagnolo della Honda ha convocato una conferenza stampa straordinaria. Le indiscrezioni degli ultimi giorni purtroppo hanno trovato conferma: dopo il GP Italia lo spagnolo volerà negli Stati Uniti per subire un nuovo intervento al braccio destro, precisamente all’omero. Per il pilota della Honda si tratta della quarta operazione dalla caduta del 19 luglio 2020 a Jerez, quando subì la frattura all’omero del braccio destro. Tutto questo si somma ai due episodi di diplopia che lo hanno provato non solo fisicamente, ma anche psicologicamente in queste stagioni. Alberto Puig, team manager della Honda, conferma che l’operazione si svolgerà subito dopo il GP Italia: "Le ossa sono pronte per un nuovo intervento, Marc si fermerà dopo il Mugello per operarsi negli Stati Uniti la prossima settimana".

"Per me è un incubo girare così"

VIDEO

Da Quarta a Bastianini: i messaggi dei piloti per Marc

Nelle ultime settimane Marquez aveva ripetuto più volte che non riusciva più a guidare secondo il suo stile, lamentando ancora dolore sulla moto. Le sue parole in conferenza al Mugello sono l’epilogo di tutti questi segnali lanciati da Marc ultimamente: "Non è stata una decisione facile, ho fatto di tutto per evitarla, ma è l'unico modo per avere un recupero totale. Il mio stile di guida non è più quello di un tempo: non a causa della moto, ma a causa mia. Il mio braccio destro non è più nella sua posizione naturale, c'è troppa rotazione, il medico mi ha suggerito di risolvere questo problema una volta per tutte con il quarto intervento. Loro ci credono e sanno quello che fanno. Non ho idea di quando tornerò in sella, farò tutto step by step, passo dopo passo. Per me non ha senso girare così, non ha proprio senso, sto troppo male, per me è un incubo girare così – dice lo spagnolo con gli occhi lucidi –. Inizierò a preparami per il Mondiale 2023, la Honda mi sostiene e crede in me. So che in alcuni circuiti posso arrivare sul podio, ma io non voglio continuare a correre così. Se non avessi questo carattere, sicuramente mi sarei già ritirato. Io so quello che ho, conosco i miei limiti e sono consapevole delle mie abilità. Ma non posso esagerare, mi sento limitato sulla moto".