Bagnaia: "Avrei voluto sfidare Rossi al top. Quartararo? Super anche con moto inferiore"

l'intervista

Ospite nella trasmissione di Alessandro Cattelan sulla Rai, Pecco Bagnaia ha svelato l'epoca in cui avrebbe voluto correre: "Mi sarebbe piaciuto essere un pilota di fine anni Novanta, in un'era senza social network. E poi avrei voluto battagliare col miglior Rossi, anche se le avrei prese...". Infine sulla lotta mondiale con Quartararo: "Tra noi c'è tanto rispetto, Fabio è stato molto costante nonostante abbia una moto inferiore"

Dopo la trasferta in Asia con Giappone e Thailandia in rapida successione, Pecco Bagnaia è tornato in Italia per qualche giorno prima della nuova partenza alla volta di Phillip Island (il GP d'Australia andrà di scena domenica 16 ottobre alle 5 del mattino, ovviamente in diretta su Sky Sport). Il ducatista ne ha approfittato per ricaricare le pile in vista delle ultime tre gare, dove cercherà il sorpasso mondiale su Fabio Quartararo (ora distante solo due punti). E ha anche trovato il tempo per andare negli studi del programma "Stasera c'è Cattelan" sulla Rai. "In quale epoca avrei voluto correre? A fine anni Novanta, quando non esistevano ancora i social network. Il clima lì è davvero pesante. E poi, certo, sarebbe stato bello sfidare il miglior Valentino Rossi, anche se le avrei prese...", ha detto Bagnaia intervistato da Alessandro Cattelan. Pecco ha anche parlato dell'eredità del 46: "Valentino è stato talmente grande, che nessuno sarà mai come lui. Quindi in questo senso c'è meno pressione. Ma è anche vero che nessun italiano ha più vinto un Mondiale dal 2009...".

Pecco: "Con Quartararo c'è grande rispetto"

leggi anche

Mondiale da favola, il finale è tutto da scrivere

Il torinese 'trapiantato' a Pesaro ha la grande occasione di vincere il titolo, dopo un'entusiasmante rimonta in classifica arrivata a un passo (anzi due, come i punti che dividono Pecco dal leader Quartararo) dal concretizzarsi. "Riesco a dormire la notte e questo è già importante - ha proseguito il pilota Ducati -. Quartarararo? Ha vinto meno gare di me, ma è stato molto costante nonostante abbia una moto inferiore. Nel 2020 e 2021 aveva avuto più alti e bassi, quest'anno il suo punto forte è la continuità". Chiusura sul rapporto col Diablo: "Ci conosciamo da tanto tempo, tra noi c'è grande rispetto". Che vinca il migliore a questo punto: appuntamento il 16 ottobre a Phillip Island per il terz'ultimo capitolo di una stagione ancora tutta da scrivere. E da vivere su Sky Sport.