Ducati Scrambler Desert Sled. E allora giochiamo!

Motori

La Casa italiana ci ha preso gusto. Dopo la Multistrada Enduro è ora la volta della Scrambler col tassello. Ha telaio, sospensioni e cerchi fatti per giocare nello sterrato. Ci riesce? Ecco la nostra prova

Ma allora quelli della Ducati ci hanno preso gusto. Dopo la Multistrada Enduro  ora si sono messi a "tassellare" anche la modaiola Scrambler. Non si sono risparmiati. Potevano piazzare due cerchi a raggi con gomme tassellate e il gioco era fatto. Nossignori, la Desert Sled (slitta da deserto, così si chiama) è una moto nuova anche nel telaio e nelle sospensioni.

Della Scrambler che conoscete restano il motore e il serbatoio. Il nome richiama le moto fatte negli anni 60 e 70 dai motociclisti della SoCal per correre fra Baja e Mojave, anticipando le entrofuoristrada che avrebbero fatto furore nel decennio successivo. Le basi di partenza erano stradali a cui venivano cambiati cerchi e sospensioni.

La Desert Sled sfrutta il motore Desmodue da 803 cc (75 cv a 8.250 giri e 68Nm a 7.750 giri le prestazioni dichiarate). La base di partenza è per molti versi la Urban Enduro, rispetto alla quale arrivano modifiche al telaio e alle sospensioni.

Troviamo anche le ruote a raggi (l’anteriore è da 19” per affrontare anche il fuoristrada leggero), il paramotore, i parafanghi alti e la griglia sul faro. La seduta è più alta rispetto alle altre Scrambler; la sella è a 860mm, ma è possibile abbassarla con la sella optional che riduce il valore di 20mm.

Ma adesso scorpiramo come va nella nostra prova video.

Powered by moto.it

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport