SBK. Rea vince Gara 1 del GP di Thailandia

Motori

Carlo Baldi

REA_THAI_G1

Rea in testa dal primo momento all'ultimo giro. Davies secondo, Sykes beffa Melandri all'ultimo giro e sale sul terzo gradino del podio. Gara 2 domani h10 Eurosport canale 210 piattaforma Sky

Dopo aver dominato le prove e la Superpole, anche in gara1 Rea non lascia scampo ai propri avversari. In testa dal primo all’ultimo giro, il campione del mondo ottiene il suo terzo successo consecutivo in questo campionato e mantiene ovviamente la prima posizione a punteggio pieno in classifica. Il fatto che Johnny avesse un passo superiore rispetto a tutti i suoi avversari era apparso chiaro già nelle prove di ieri e oggi lo ha confermato prima in Superpole e poi in gara.

Una gara senza storia per quanto riguarda la prima posizione e che ha avuto motivi di interesse solo per quanto ha riguardato le posizioni di rincalzo, con Davies che ha inizialmente faticato, prima per superare Sykes e poi per andare a riprendere Melandri che si era gettato all’inseguimento di Rea. Ma una volta portatosi al secondo posto Johnny era ormai irraggiungibile e Chaz ha potuto solo gestire la posizione.

Melandri ha scelto all’anteriore la soluzione più morbida a sua disposizione ed ha pagato questo errore nell’ultimo giro, quando Sykes lo ha superato e gli ha scippato quello che sarebbe stato il suo secondo podio stagionale. Marco ha fatto comunque una gara generosa che avrebbe meritato almeno il podio, ma purtroppo così non è stato.

Alle spalle delle “solite” Kawasaki e Ducati, arrivano le due Yamaha, con VdMark che precede Lowes. Questa pista piace particolarmente all’olandesino, che lo scorso anno qui era salito sul terzo gradino del podio e oggi ha preceduto il suo compagno di squadra di oltre tre secondi.

Torres tira fuori il massimo dalla sua BMW e precede Camier, mentre le due Honda di Hayden e Bradl, nono e decimo, chiudono la top ten. Delude Fores che era andato decisamente meglio nelle prove, così come non è stata una gara da ricordare nemmeno per Savadori, solo tredicesimo dietro a Krummenacher con la Kawasaki privata del team Puccetti.

L’altro pilota Aprilia, Eugene Laverty stava facendo un ottima gara ma si è dovuto ritirare per problemi tecnici proprio all’ultimo giro, quando stava occupando la settima posizione. Non raccolgono punti De Angelis e Russo, sedicesimo e diciassettesimo, mentre Badovini è scivolato nel corso del settimo giro.

Powered by moto.it

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport