Lancia Rally 037, on board su una gloria italiana

Motori

Motore 2L da oltre 300 CC, trazione posteriore e peso piuma sono le caratteristiche principali di una delle auto che ha segnato la storia nelle competizioni rallistiche mondiali degli anni 80. Ecco la lancia Rally 037

Dopo Stratos e 131 Abarth arrivò la Lancia Rally 037 a dettare legge tra le prove speciali del mondiale rally 1983. Una layout tecnico già visto sulla Stratos, ma che suscitò scalpore visto che, nella stagione, riuscì a contenere gli attacchi dell’Audi Sport Quattro, una vettura rivoluzionaria che, accreditata di una soluzione tecnica più efficace, non riuscì a imporsi in quell’anno per un solo punto rispetto alla rivale.

Ancora oggi le performance rimangono pazzesche, salire su quest’auto è un’esperienza sconvolgente e rende l’idea di che cosa si trovassero di fronte i piloti di quegli anni. Dotata di una monoscocca centrale in acciaio alla quale erano collegati i telai tubolari, l’auto era mossa da un motore 2L con sovralimentazione tramite compressore volumex che portava la potenza oltre i 350 CV, gestiti con le sole ruote posteriori. Completavano il pacchetto sospensioni sofisticate per rendere l’auto efficace anche su terra e un’aerodinamica sufficiente per non far decollare l’auto sui lunghi salti dei rally come il 1000 laghi. 

Carrozzeria in kevlar e abitacolo ridotto all’osso per una berlinetta che voleva solo sfogare tutta la potenza del rabbioso motore. Sicuramente sono poche le parole che possano descrivere questa vettura, ecco perché vi invitiamo a dare un’occhiata al video per rendervi conto delle prestazioni di questa vettura.

Powered by automoto.it

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche