Superbike Australia, doppietta per Marco Melandri e la Ducati

Motori

Carlo Baldi

Melandri_gara_2

Dopo gara 1 di sabato, Marco Melandri e la Ducati raddoppiano in gara 2 a Phillip Island. E' il successo numero 22 per il pilota di Ravenna, record per un italiano in Superbike. Rea e la Kawasaki battuti in volata per 21 millesimi, terzo Fores con la Panigale privata del team Barni. Ducati in testa al mondiale, non accadeva dal 2011. Per rivedere gara 2, Eurosport 1 e 2 - canali 210-211 della piattaforma Sky (ore 18 e 21.30)

Senza la preoccupazione dell’usura delle gomme e su una pista spettacolare ed unica come quella di Phillip Island, oggi i piloti della Superbike ci hanno regalato una gara fantastica, che ha tenuto tutti con il fiato sospeso sino alla bandiera a scacchi.

A passarci sotto per primo è stato anche oggi Marco Melandri, che ha beffato in volata Jonathan Rea per soli 21 millesimi ed ha conquistato un’incredibile doppietta, che gli permette di iniziare il campionato nel migliore dei modi. E’ quasi impossibile fare una cronaca dettagliata di quella che è stata una vera battaglia, che ha visto un gruppone di 8/9 piloti lottare per la prima posizione dai primi giri sino a due circa dal termine, quando Fores, Rea e Melandri hanno salutato la compagnia per andarsi a giocare il primo gradino del podio.

La gara è stata caratterizzata dal pit stop obbligatorio che doveva avvenire tra il nono e l’undicesimo giro. I primi ad entrare ij pit line sono stati Fores, VdMark e Rea alla conclusione del decimo giro, imitati in quello successivo da tutti gli altri piloti. Sino a quel punto la gara era vissuta sulla fuga iniziale di Laverty, che ha però perso una grande occasione cadendo nel secondo giro alla curva 6.

Uscito di scena il pilota dell’Aprilia (che riprenderà la gara, ma concluderà ultimo) la testa della corsa è stata presa da Davies, braccato da un gruppone di 14 piloti racchiusi in meno di tre secondi. Sembrava di assistere ad una gara della Supersport 300, con sorpassi continui e carene che si sfioravano.

Fores superava Davies con Rea terzo e si arrivava così al forzato cambio gomme. Dopo la confusione dovuta alle soste ai box, la classifica riprendeva la sua connotazione reale al tredicesimo giro, ma perdeva subito un protagonista, quando Davies scivolava irrimediabilmente alla curva 10.

A quel punto Fores era il primo di un gruppo di assatanati composto da Sykes, Rea, Melandri, VdMark, Lowes e Camier. Tutti racchiusi in un secondo e mezzo. Il pilota del team Barni racing era braccato dalle due Kawasaki ufficiali, seguite a loro volta dalle due Yamaha, in mezzo alle quali transitava Melandri, mentre era Camier a chiudere il serpentone.

Un piccolo errore dello spagnolo spianava la strada a Rea e Melandri che cercavano di sbarazzarsi senza successo di Fores, che restava invece alla loro ruota. E si arrivava così all’ultimo giro, con Rea davanti a Melandri e Fores, mentre Sykes era quarto, ma ormai troppo distante. Rea impostava per primo l’ultima curva, ma l’italiano della Ducati gli prendeva la scia e lo beffava sulla linea del traguardo. Fores si doveva accontentare di un comunque fantastico terzo posto, mentre Sykes terminava quarto, davanti a Lowes Camier e VdMark, con l’olandese a soli tre secondi dal vincitore.

Più staccati hanno concluso Torres con la MV Agusta, uno stoico Baz con la BMW Althea ed una spalla molto dolorante, e la giovane promessa Razgatliuoglu, che ha centrato la sua prima top ten. Oltre a Davies non ha tagliato il traguardo anche Jezek con la Yamaha del team Guandalini, mentre come sappiamo Savadori ha dovuto dare forfait per la frattura di una clavicola patita ieri in Superpole, così come Hernandez che si è lussato una spalla nella caduta di ieri in gara1.

Classifica gara 2 Australia - Phillip Island

Classifica mondiale piloti e costruttori SBK dopo il primo round Australia

Powered by moto.it

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.