SBK 2019. Ducati V4R, ottimo debutto ad Aragon

Motori
Davies - Ducati Panigale V4R (foto: www.ducati.com)
Davies_Aragon_Ducati

Debutto positivo ad Aragon per la Panigale V4 nella prima giornata dei test preseason 2019 del World Superbike. Davies, che ha lavorato principalmente sull’ergonomia, subito a suo agio con la nuova moto (61 giri per il gallese). Ottimi riscontri dall’erogazione del motore quattro cilindri

Davies, gran feeling da subito

"È stato davvero emozionante portare in pista per la prima volta la Panigale V4 R – le parole di Chaz Davies a caldo - mi sono sentito come un ragazzino a Natale con un meraviglioso gioco nuovo. Solitamente ci metto un po' a conoscere e capire una moto, ma onestamente si è verificato l'opposto oggi. Mi sono sentito davvero a mio agio fin da subito. Dopo la prima uscita di 'rodaggio' volevo già mettermi a spingere, il che è senza dubbio positivo. In generale, si è trattato di un ottimo inizio. Abbiamo fatto grandi passi avanti e completato la maggior parte del lavoro sull'ergonomia. Abbiamo molte novità da provare ed ancora più dati da analizzare. L'obiettivo oggi era di mettermi progressivamente a mio agio in sella ed iniziare a cucirmi la moto addosso. Adotteremo lo stesso approccio domani, lavorando sulla base e rifinendo alcuni dettagli prima di iniziare a spingere più forte e farci un'idea ancora più chiara del potenziale della moto".

Il V4 promette bene: erogazione ok

Lasciando la parola ai tecnici, ecco il feedback di Marco Zambenedetti, Coordinatore Tecnico Ducati Corse in pista, dopo il day 1 ad Aragon: “Siamo soddisfatti di questa prima giornata, nella quale siamo riusciti a completare il nostro programma di lavoro. Abbiamo percorso i primi chilometri, raccogliendo ottimi feedback per quanto riguarda l’erogazione ed il range di utilizzo del motore. Ora proseguiremo nello sviluppo e affinamento dell’assetto di base, sia qui che a Jerez, dove a Chaz si affiancherà Alvaro Bautista”. 

Le ali, utili ed obbligatorie

Fin dalla presentazione alla Ducati World Premier che ha preceduto Eicma, la Panigale V4R ha suscitato interesse e fatto discutere, da un punto di vista tecnico, per le appendici aerodinamiche. Le ali in carbonio, ben visibili sin dall’unveiling a Milano non sono solo legali per l’impiego nel mondiale Superbike ma addirittura obbligatorie. Marco Zambenedetti lo spiega in modo molto chiaro a BSN: “Il regolamento definisce chiaramente come si possono usare le ali. Se queste sono presenti sulla moto stock e omologate siamo obbligati ad usarle perché sono parte della carena. In termini di dimensioni e forma (che devono restare le stesse) possiamo giocare su una tolleranza di 2mm”

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche