Africa Eco Race, annullata la tappa Dakhla-Chami

Motori

Speciale numero 6 annullata, gli elicotteri non si sono alzati per il vento. Si riprende con la settima tappa, Botturi e Ullevalseter si sfidano tra le dune

BOTTURI CHIUDE AL COMANDO LA PRIMA SETTIMANA

AFRICA ECO RACE: LE TAPPE

LO SPECIALE MOTORI

Niente gara ieri all'Africa Eco Race: la ss6 della tappa Dakhla-Chami è stata annullata per il troppo vento. Gli elicotteri non si sono potuti alzare e garantire così la necessaria sicurezza ai piloti. La giornata si è ridotta così al solo trasferimento: 560 chilometri dal Marocco alla Mauritania, con relativo passaggio di frontiera. «Peccato, mi sarebbe piaciuto provare a spingere un po' e vedere di guadagnare qualcosina nei confronti di Ullevalseter – considera il pilota di Lumezzane, Botturi -. Ad ogni modo è andata così e bisogna pensare solo alla tappa di domani (oggi, ndr)».

La marathon sarebbe dovuta diventare uno dei momenti cruciali di questa Africa Eco Race 2019: i mezzi di assistenza infatti non possono intervenire al termine di una frazione disputata con questa formula. Ieri sera però Jean-Louis Schlesser, organizzatore della gara, ha deciso diversamente per la tappa 7. I mezzi dopo i 480 chilometri di speciale della Chami-Gare du Nord-Chami non andranno in parco chiuso. Oggi infatti si partirà troppo tardi (ore 10 nella migliore delle ipotesi). I concorrenti si sarebbero trovati in mezzo alle dune nel momento più caldo della giornata e sarebbero arrivati stravolti al parco chiuso. Non solo, qualcuno di loro avrebbe dovuto lavorare su moto o auto ormai al buio. Inoltre, dopo i primi 480 chilometri di ss domani, l'ottava tappa ne proporrà altri 445 con la Chami-Amodjar (e 50 di trasferimento). «Sono tappe dure, il paesaggio è cambiato, il terreno cambierà. Già con la tappa 7 anche la navigazione si farà difficile».

I piloti più forti sanno che in Mauritania la gara si fa dura e facilmente potrebbe essere decisa al 90% nei prossimi tre giorni: «La sabbia della Mauritania è un'insidia costante – spiega Paolo Ceci, che ha vinto la scorsa edizione dell'Africa Eco Race-. Soffice da sprofondare, difficile da leggere nelle sfumature di colore. È davvero difficile guidare qua e anche la navigazione si fa complicata tra queste dune che cambiano continuamente». La gara entra decisamente nel vivo: cambiamenti di programma a parte, il duello tra Botturi e Ullevalster è giunto davvero al momento cruciale.  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche