Buffon: "Per Sarri alla Juve fu avvilente mediare. Io vicino all'Atalanta, poi..."

L'EX

Il portiere del Parma: "Sarri ebbe difficoltà iniziali, vide che c'era bisogno di mediare e per lui è una cosa avvilente. Con Pirlo non è stato un fallimento, ha vinto due trofei e si è qualificato alla Champions. La Juve vince con solidità, quando è in difficoltà riesce a sorprendere. Atalanta? Avevo deciso di andare, poi mi hanno convinto a restare a Torino. Difficile rinunciare all'offerta del Psg, ma non mi sentivo a mio agio"

YOUNG BOYS-ATALANTA LIVE

Gigi Buffon ha deciso di ripartire dal Parma, lì dove tutto era iniziato, con l'obiettivo di riportare la squadra gialloblù in Serie A. A 43 anni il portiere ha ancora tanta voglia di dimostrare, come accaduto d'altronde anche nelle ultime due stagioni alla Juventus, dove è stato il secondo di Szczesny con Sarri e Pirlo. Due annate particolari, che Buffon descrive così: "Sarri da noi ha avuto tantissime difficoltà all'inizio, perché già dall'inizio ci sono stati degli attriti con qualcuno, non è scoccata la scintilla – le sue parole a Tiki Taka - Dopo un mese si è accorto che la sua tipologia di lavoro era da rivedere e che c'era bisogno di mediare e, per uno come lui, mediare è un qualcosa di avvilente. Non aveva quell'entusiasmo che di solito uno come lui ha. Pirlo? Non lo definirei 'vitello sacrificale', dà l'idea di un perdente. Lui ha vinto Coppa Italia e Supercoppa, è arrivato in Champions e quindi non ha fallito". Poi l'addio di Ronaldo: "Se non era più convinto di rimanere, ha fatto bene ad andarsene. Così come Allegri ha fatto bene a tornare perché si vede che è convinto di fare bene e di poter incidere".

"La Juve vince grazie alla solidità, quando è in difficoltà sorprende sempre”

leggi anche

Chelsea-Juventus, le probabili formazioni

Sul momento dei bianconeri, aggiunge: "Quando è in difficoltà, la Juventus sorprende sempre e ha dei colpi di reni che la portano a vincere trofei impensabili. La vedo sempre protagonista in ogni competizione, poi vincere la Champions in questi anni, contro queste squadre, è sempre complicato. La Juventus non gioca male, ma quando vince lo fa da squadra solida, compatta, che non concede spazi e imbruttisce la partita. Noi siamo arrivati due volte in finale di Champions grazie alla solidità, poi non abbiamo vinto perché abbiamo affrontato un Barcellona e un Real Madrid quattro volte superiori a noi. Ma senza quelle caratteristiche non saremmo mai arrivati in finale".

"Atalanta? Avevo deciso di andare, poi la Juve mi ha convinto"

leggi anche

Young Boys-Atalanta, probabili: Malinovskyi dal 1'

Buffon confessa poi di essere stato vicino all'Atalanta: "Gasperini lo sa perché non sono andato, nel momento in cui avevo deciso di partire per Bergamo ho parlato con la Juve e con Pirlo che mi hanno convinto a restare. Mi conoscono bene, hanno toccato tasti che mi hanno persuaso. Ma a Gasperini voglio bene, le sue chiamate e la volontà di avermi a Bergamo, perché secondo lui ero ancora forte per fare il titolare, mi hanno gratificato tantissimo".  

"Difficile rifiutare un'offerta come quella che mi arrivò dal Psg"

leggi anche

Messi: "Prima o poi tornerò a Barcellona"

Prima, però, c'era stato il Psg: "Quando abbiamo vinto l'andata degli ottavi di finale di Champions non mi sentivo a mio agio, perché sapevo che contemporaneamente la Juve aveva perso. Questa cosa ha pesato sulle scelte future e ho deciso di tornare, non mi faceva impazzire l'idea di fare il secondo ma sicuramente mi piaceva quella di vincere la Champions con questa dirigenza e questa squadra. Vincerla per la Juve mi avrebbe dato una soddisfazione enorme. Prima di andare a Parigi avevo quasi deciso di smettere, avevo detto al procuratore che avrei continuato se mi fosse arrivata una chiamata da Real Madrid, Barcellona e Psg e 20 giorni dopo è successo. A quel punto mi è sembrato un peccato rinunciare a un'esperienza simile, con un'offerta economica importante come quella”. Ora a Parigi c'è un altro grande portiere italiano, Gigio Donnarumma: “Penso abbia fatto una scelta più che giustificata, sta avendo delle difficoltà ma penso che presto sarà titolare".

"La Nazionale riparta dalle certezze per superare le difficoltà"

approfondimento

L'Italia perde due posizioni: 6^ nel ranking Fifa

Infine, sulla Nazionale: "I playoff sono la scusa per continuare a giocare, la motivazione che mette d'accordo tutti. Delle analogie con l'Italia di Ventura ci sono, ma questa squadra ha certezze maggiori in virtù del successo agli Europei e, in questo modo, è più facile superare le difficoltà. La Svezia? Quella partita fu l'anticamera di una spedizione che non sarebbe stata vincente. Abbiamo commesso degli errori e abbiamo avuto delle mancanze troppo grandi che non ci hanno permesso di andare al Mondiale. Le colpe sono di tutti, l'ho sempre detto", conclude Buffon.  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche