Juve, Chiellini: "Icardi da noi è fantacalcio. Dybala? Non ha bisogno di consigli"

CalcioMercato

Le parole del capitano della Juve dopo il consueto test in famiglia a Villar Perosa sulle strategie del club bianconero: "Icardi alla Juve è fantacalcio, abbiamo grandi attaccanti e pensiamo solo a rimanere compatti. Dybala? Sta facendo bene e non ha bisogno dei miei consigli, la voci di mercato fanno parte del gioco". Poi punge Inter e Napoli: "Sono da scudetto, non possono più nascondersi"

TRIESTINA-JUVE LIVE

PELLEGRINI LASCIA LA JUVE: VA AL CAGLIARI

JUVE A-JUVE B 3-1 - CR7 ANCORA A PARTE, DE LIGT RECUPERATO

PARATICI: "DYBALA? SITUAZIONE IN DIVENIRE". E SU ICARDI...

Dalle strategie di mercato della Juventus agli obiettivi da raggiungere nella stagione che sta per cominciare. Poi una prima impressione sul lavoro di Maurizio Sarri e un giudizio sull’acquisto più importante dell’ultima campagna di rafforzamento, Matthijs de Ligt. Tanti gli argomenti trattati da Giorgio Chiellini, che dopo il consueto test in famiglia svolto dalla squadra bianconera a Villar Perosa ha parlato ai microfoni dei cronisti presenti. Parole chiare quelle del capitano della Juve, che ha analizzato questo avvio di stagione con Sarri: "Abbiamo grande voglia di ricominciare e di metterci alla prova con partite vere – ha esordito Chiellini -, da parte nostra la disponibilità nei confronti di Sarri è massima e vogliamo recepire al più presto ciò che chiede il nuovo allenatore. Siamo ancora work in progress, ma le ambizioni sono molto alte. Cosa cambia rispetto al passato? Ogni allenatore ha caratteristiche proprie: Allegri era diverso da Conte e Sarri è diverso da Allegri".

Il pensiero su Icardi e Dybala: "Mauro con noi è fantacalcio. A Paulo non servono i miei consigli"

Inevitabile poi uno sguardo alle trattative ancora in ballo in casa Juve, Chiellini ha espresso il suo punto di vista relativamente alla questione legata al futuro di Mauro Icardi, accostato ai bianconeri, e Paulo Dybala, sul quale continuano a circolare le voci di mercato. "Icardi nello spogliatoio della Juve? Con tutto il rispetto – ha chiarito Chiellini -, ma si tratta di fantacalcio. Noi abbiamo dei grandi attaccanti e pensiamo solo al nostro gruppo. Vogliamo restare compatti e aiutarci vicendevolmente in una stagione lunga. Per fortuna tra poco si inizia. Se ho parlato con Dybala? Paulo è sereno, sta facendo bene e non ha bisogno dei miei consigli. È grande e vaccinato: certe cose fanno parte del gioco, noi siamo dei professionisti e siamo consapevoli della situazione".

Il giudizio su Inter e Napoli: "Sono da scudetto, non possono nascondersi"

Chiellini ha poi lanciato la sfida a Inter e Napoli: secondo il capitano della Juventus le due rivali sono serie candidate allo scudetto e non possono più nascondersi: "Anche l’anno scorso l’Inter aveva una rosa per vincere lo scudetto – ha detto -, ora si è rinforzata ulteriormente. Inter e Napoli penso siano un gradino sopra rispetto alle altre, si sta creando un gap tra le prime tre e le altre squadre sulla carta. Ovviamente, però, sarà sempre il campo a parlare e come ogni anno non sarà semplice vincere. Anche loro avranno un po’ più di pressione: una squadra che fa un mercato come quello dell’Inter o una squadra che dà continuità rispetto al passato come il Napoli non può nascondersi e dire che non deve vincere. Siamo tre squadre che hanno l’obiettivo di vincere, poi solo una riuscirà a farlo".

De Ligt promosso: "Noi bravi a prenderlo, qui può crescere"

In chiusura Chiellini ha parlato dell’acquisto più importante della sessione di calciomercato della Juventus, Matthijs de Ligt: "Si tratta di un ragazzo molto in gamba che non scopro certo io. Era il giocatore giovane più ambito d’Europa, siamo stati bravi a riuscire a prenderlo e anche a convincerlo della bontà di questa squadra, dove sicuramente potrà crescere e fare bene nei prossimi anni. Il gruppo è cresciuto, la squadra cresce anno dopo anno e anche stavolta sono arrivati giocatori importanti che aumentano il valore potenziale di questa squadra. Però poi passa tutto dal sacrificio, dal lavoro. Questo è anche il messaggio che è passato dal presidente. Solo il lavoro quotidiano può formare questo gruppo e farlo rendere al massimo. Il nostro obiettivo è questo, il tempo c’è. Finalmente ora si inizia a fare sul serio – ha concluso il capitano bianconero -, non ne possiamo più di fare solo allenamenti e amichevoli".

I più letti