Caricamento in corso...
12 agosto 2017

MotoGP, qualifiche GP d’Austria: pole Marquez davanti Dovi. 7° Rossi

print-icon

In Austria arriva la pole numero 70 di Marquez, che partirà davanti a Dovizioso e Lorenzo. Vinales (4°) e Rossi (7°), entrambi in pista con la nuova carena. Moto2, Pasini precede Morbidelli di un soffio. Moto3, Rodrigo ancora in poleSegui la gara dalle 14 in diretta esclusiva su Sky Sport MotoGP HD (canale 208) oppure su skysport.it con il live-blog

IL RACCONTO DEL GP D'AUSTRIA LIVE

LA GRIGLIA DI PARTENZA

TUTTI I TEMPI - LE CLASSIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE

I numeri spesso dicono più di mille parole: 70 pole in 161 qualifiche, 42 in MotoGP. Sono i numeri eccezionali di Marc Marquez, che in Austria ha conquistato ancora una volta la pole position con 1:23.235. Lo spagnolo chiude davanti le Ducati ufficiali, che completano la prima fila: secondo posto per Dovizioso con un ritardo di +0.144, terzo Lorenzo a +0.386. Nuova carena per le Yamaha: 4° Vinales (+0.519), 7° Rossi (+0.747). Marquez è stato il più veloce anche nelle Libere 3 e nelle Libere 4, risultando sempre il più veloce del sabato austriaco. Nella quarta sessione di prove libere ha pure girato con un gran passo con la mescola più dura di quelle fornite dalla Michelin. Certo, la Honda ha fatto un gran lavoro, perché da un anno all’altro la moto è migliorata tanto, ma Marquez dopo le due vittorie consecutive sente che questo può essere il momento giusto della stagione per fare un break decisivo. Farà di tutto la coppia Ducati, e non solo, per rallentare la corsa del leader della classifica. Andrea Dovizioso, dopo un ottimo venerdì, si è trovato in difficoltà con le temperature più basse. Il box Ducati però non ha perso lucidità e ha montato le gomme medie per fare la qualifica contro ogni logica. Non si è ben capito perché, ma la GP17 numero 4 ha ripreso a girare bene dando la possibilità a Dovizioso di fare il secondo tempo a solo un decimo e mezzo di ritardo dalla pole. Più indietro Jorge Lorenzo, che riesce a chiudere la prima fila per un attacco a due punte Ducati. A quasi sei decimi di ritardo Vinales che con il quarto tempo ha la possibilità di agganciarsi al treno dei primi in gara. Dopo un periodo di appannamento, il pilota spagnolo sembra aver ritrovato la sicurezza di inizio stagione e ci sarà anche lui a lottare per il podio. Grande prestazione di Petrucci: non è la sua miglior qualifica della stagione, ma proprio nel momento più importante ha trovato un gran giro. Sesto Zarco, solo settimo Valentino Rossi, che dopo delle sessioni convincenti, in qualifica è riuscito a migliorare il suo miglior tempo di soli 13 millesimi. Il bilanciamento è buono, ma la gomma nell’ultimo tentativo non aveva grip. Non dovrebbe ricapitare in gara, dove ci sarà anche lui a cercare di frenare la corsa di Marquez.  

I commenti post qualifiche

Marquez: "Sto guidando al limite ma sono contento perché rispetto all’anno scorso stiamo andando bene, ogni volta facciamo piccole modifiche alla moto. Importante la pole per la prima curva ma anche per il passo gara. La cosa più importante sarà prendere la gomma giusta. Il fatto che Dovizioso abbia fatto il tempo con la gomma media apre uno scenario nuovo, oggi ho usato solo morbida e dura, la media no, ma adesso sembra che i piloti vadano verso la media, domenica la provo e poi decidiamo. La gomma media può essere una buona scelta, ma anche con la dura mi sento bene".

Lorenzo: "Lunedì a Brno abbiamo fatto un grande passo avanti, anche se non è stato facile qua perché l’inizio del weekend non è stato buono, ma sono migliorato in ogni sessione. Domenica sarà una gara lunga, sarà importante scegliere il giusto pneumatico, questa volta sarà difficile perché la gomma media ha il centro più morbido e si scalda, quindi dobbiamo valutare bene. La nuova carena mi sta aiutando molto, io voglio sentire peso davanti".

Dovizioso: "Sono molto soddisfatto, si poteva fare la pole, non ho fatto il giro perfetto, ma oggi le gomme si sono comportate diversamente da venerdì quando pensavamo alle morbide, ma oggi lavoravano in modo diverso. La qualifica ci ha dato un feedback molto importante. Domenica pomeriggio sembra che sarà più caldo di oggi, le Michelin sono così, vanno interpretate. Abbiamo tre mescole, centrale e laterale, questo fa la differenza. Non credo ci sarà solo Marquez, ma molti piloti saranno competitivi, quindi è impossibile fare pronostici. Abbiamo comunque avuto la conferma che siamo competitivi e questo è importante. La media? E' sempre un'interpretare le situazioni al minuto, cambiavano di continuo. Abbiamo sempre lavorato sulla morbida, poi abbiamo visto un po' di cose, abbiamo preso tanti rischi, ma siamo stati bravi, giusta strategia".

Rossi: "E’ stata una giornata piuttosto buona, abbiamo trovato un buon bilanciamento, ho trovato un buon passo. Sono stato veloce con la media e la dura, mi aspettavo di più in qualifica, il mio potenziale poteva essere la prima fila, ma purtroppo la seconda gomma aveva poco grip, ho provato a spingere ma non ce la facevo. Come passo non siamo lontani, anche se siamo molti e tutti attaccati. Tutte e tre le possibilità di gomma sono possibili per la gara".

Iannone: “Abbiamo lavorato bene, siamo riusciti a migliorare la moto, dopo Brno qualcosa è cambiato, peccato non essere riusciti a sfruttare il potenziale in qualifica. Purtroppo abbiamo fatto una mossa di setup che credevamo fosse giusta, ma perdevo quei due-tre decimi rispetto a stamattina. Abbiamo escluso la gomma morbida, con cui l’anno scorso ho vinto la gara, cercheremo di capire tra media e dura quale può essere la migliore per noi”.

Sky Sport Tech

MotoGP, Petrucci e Pedrosa top nel Q1

Petrucci è il più veloce nel Q1 con 1:23.754. Il pilota della Pramac passa quindi al Q2 insieme a Pedrosa, che si è piazzato secondo nel Q1 con un ritardo minimo di +0.095. Più distaccati gli altri piloti, con Folger terzo a +0.261.

MotoGP, le Libere 4

Marquez imprendibile anche nelle Libere 4 con 1:24.180. Lo spagnolo si conferma in grande forma, dopo aver conquistato il miglior tempo anche nelle Libere 3. Nella quarta ed ultima sessione di prove, Vinales stampa il secondo tempo con la nuova carena. Terzo tempo per Pedrosa, 7° Rossi. Valentino, nella quarta sessione di Libere, ha scelto di girare con la media usata all'anteriore e dura nuova al posteriore.

MotoGP, le Libere 3

Marc Marquez protagonista nelle Libere3. Con il tempo di 1:23.459 mette la sua Honda davanti a Zarco e Iannone, poi ci sono Lorenzo, Rossi e Vinales. Gli altri big: 11° Petrucci, 14° Pedrosa, 16° Dovizioso che accede al Q2 con il sesto tempo. Nuova carena sia per Valentino Rossi (a partire dalle Libere 3) sia per Maverick Vinales (nelle Libere 4).

L'ipotesi pioggia

Se domenica dovesse piovere potrebbero esserci problemi da parte dei piloti di MotoGP ad affrontare la gara. In Safety Commission è emerso infatti che alcuni piloti ritengono molto complicato correre sul bagnato al Red Bull Ring, di fronte alle tante cadute in Moto2 di venerdì. Nessun allarme meteo, comunque, dato che le previsioni escludono l'ipotesi di pioggia durante la gara. Capirossi, responsabile sicurezza, commenta così: “In effetti venerdì ne abbiamo parlato in Safety Commision, soprattutto visto cos’è successo in Moto2. Abbiamo cercato di pulire la pista nei punti critici, e non abbiamo potuto piu provarla sul bagnato. Vedremo. Se in gara ci sarà acqua faremo provare prima la pista ai piloti. Poi decideremo. Speriamo che non ci sia pioggia, le previsioni sono positive. Per il prossimo anno cerceremo di migliorare la pista “sabbiandola”, le condizioni saranno migliori”.

Le condizioni meteo

Yamaha, nuova carena per Rossi e Vinales

La prima notizia del sabato austriaco è arrivata a pochi minuti dal via delle terze Libere e riguardava Valentino Rossi: omologata la nuova carena, il Dottore ha iniziato a utilizzarla già dalla prima sessione. Anche Maverick Vinales ha usato la nuova carena a partire dalla quarta sessione di Libere.

Moto2, sempre Pasini

Non c'è più dubbio: questo è il momento di Pasini. Mattia conquista la seconda pole consecutiva, dopo quella di Brno. Partirà davanti a tutti anche in Austria, grazie al suo 1:29.394. Dietro di lui c'è Morbidelli con il minimo distacco (+0.001). Completa la prima fila Alex Marquez con +0.176 davanti Bagnaia (quarto a +0.187)

Moto3, ancora Rodrigo in pole

Gabriel Rodrigo, che a Brno una settimana fa aveva conquistato la prima pole della carriera, scatterà davanti a tutti anche in Austria grazie al suo 1:36.503 strappato in qualifica. Alle sue spalle, a completare la prima fila, ci sono Guevara (+0.112) e Canet (+0.187). Il migliore degli italiani è Bastianini, quarto a +0.213 da Rodrigo. Settimo tempo per Migno (+0.308). Nelle terze Libere il più veloce era stato Enea Bastianini. Il pilota del team Estrella Galicia aveva fatto segnare il tempo di 1:36.829 precedendo di 21 millesimi lo spagnolo Joan Mir (Honda), leader del Mondiale, e di 75 il tedesco della Ktm Phillip Oettl.

Mondiale di MotoGP 2017, tutti i video