Test MotoGP 2018, dalla Ducati alla Honda: il meglio del Day 1 a Valencia

MotoGp

Giovanni Zamagni

Marc Marquez 2017 (Getty)
test-motogp-valencia-2018-5

A Valencia i piloti hanno girato in condizioni quasi perfette, con un tracciato molto più veloce rispetto a domenica scorsa. Ci sono tre Yamaha nelle prime 4 posizioni, con pareri diversi da pilota a pilota. Ducati ha testato il nuovo telaio mentre Honda il prototipo 2018

I RISULTATI DELLA SECONDA GIORNATA DI TEST

PUIG POSSIBILE SUCCESSORE DI SUPPO

IL FILM DELLA STAGIONE

MARQUEZ, ECCO COME HA VINTO IL MONDIALE

Vinales (1’30”189) primo. Zarco (1’30”389) secondo. Rossi (1’30”519) quarto. Tutti con la Yamaha 2018? No, con la M1 2016 o 2017. Ma come? Zarco a parte, velocissimo anche nel GP, Rossi e Vinales non erano in grande difficoltà? Allora, cosa è cambiato? «Abbiamo avuto più tempo per bilanciare meglio la 2016, tempo che non avevamo avuto in gara» dice Rossi. Ci sta, ha una logica. Vinales, invece, non sa dare una spiegazione precisa. «Non è cambiato nulla dalla gara, ho usato le stesse moto utilizzate per tutto il fine settimana, girando di passo 1”5 più veloce. Sono stato efficace sia con la 2016 sia con la 2017» afferma Maverick, tornato davanti a tutti dopo un sacco di difficoltà. Anche Zarco ha usato – ed era la prima volta – la M1 versione 2017, la stessa tanto criticata dai piloti ufficiali. Risultato: secondo tempo a 0”200 da Vinales e un gran passo. «Mi sono trovato molto bene con la moto 2017, ma non sono affatto sorpreso: il team ha fatto un grande lavoro, ha fatto solo piccole modifiche, che però hanno funzionato molto bene. Con la 2016 potevo essere veloce, ma per riuscirci dovevo usare troppa energia, mentre con la 2017 fai il 30% di fatica in meno. Questa M1 è meglio in frenata, più stabile, prepari meglio l’entrata in curva. Domani farò una verifica sulla distanza» sono le parole di Zarco.

Yamaha: e adesso?

Proviamo a ricapitolare. Rossi ha utilizzato la moto 2016, continuando a preferirla alla 2017, ma sottolineando come continui a consumare troppo le gomme. Vinales ha utilizzato sia la 2016 sia la 2017, dicendo di trovarsi bene con entrambe. A domanda precisa – quale sceglieresti come base per la prossima stagione? – Maverick, però, non ha saputo rispondere. «Ho bisogno di provare ulteriormente la 2017 per avere delle conferme, dopo tutte le difficoltà che abbiamo avuto nella seconda parte della stagione».
Rossi – al quale la 2017 non è mai piaciuta, fin dal primo test effettuato qui nel 2016 – è categorico nell’affermare che la M1 di quest’anno non può essere la base dell’anno prossimo. «Per me la situazione è chiara. La Yamaha ha fatto una moto per consumare meno le gomme, ma è più difficile da guidare e complessivamente più lenta. Secondo me bisogna usare la 2016 come base, cercando di migliorare la durata delle Michelin. Abbiamo tentato in 18 gare di sistemare la 2017, ma non ci siamo riusciti…» è la sua tesi, con Valentino che si infastidisce quando gli si fa notare che Zarco, con la 2017, è andato forte. «Sono contento per lui» ha tagliato corto il campione di Tavullia.
Cosa farà adesso la Yamaha? Impossibile rispondere. «Non so quale versione del telaio 2017 ho utilizzato e non credo proprio che le mie prestazioni possano diventare un problema per la Yamaha: non ho mai sentito dire che un pilota che va forte possa essere fastidioso… Del resto, con la M1 2017, i piloti ufficiali sono sempre stati competitivi, a parte le ultime gare: se la moto non era buona, Rossi non avrebbe fatto una prestazione come quella di Aragon al ritorno da un infortunio» dice Zarco con una determinazione e una sicurezza che lascia stupiti. Ma mentre Johann dice che la 2017 è meglio in frenata, Maverick afferma l’opposto: «Con la 2016 sono più efficace in staccata, con la 2017 in accelerazione». Aiuto! Tutto rimandato, invece, per il motore: Rossi è caduto dopo tre giri («non so perché») e solo domani verrà utilizzato veramente.

Ducati: un nuovo telaio

In casa Ducati ha debuttato un nuovo telaio, che, però, non appare modificare la posizione del motore e del forcellone: è solo un primo prototipo. Dovizioso è parso soddisfatto («E’ stata una giornata positiva, ho avuto buone sensazioni e un feeling ancora migliore che in gara, anche se per il momento abbiamo fatto solo piccole modifiche per definire la moto 2018. Ho fatto anche qualche giro dietro a Pedrosa: ho potuto verificare pregi e difetti»), Lorenzo più tiepido («Per il momento, non abbiamo migliorato la velocità di percorrenza in curva»). In ogni caso, una giornata positiva per la Ducati.

Honda: prototipo 2018

In casa Honda, entrambi i piloti hanno utilizzato il primo prototipo 2018, modificato nel telaio, nel motore e negli scarichi. Marquez non si sbilancia: «E’ ancora troppo presto per dire punti forti e deboli» ma secondo l'ingegnere Giulio Bernardelle la Honda è quella che lavora nel modo più razionale. Da segnalare che al terzo giro, Marquez ha fatto un salvataggio, questa volta alla curva 10, simile a quello fatto in gara…

Aprilia: nuovi assetti

In casa Aprilia non ci sono grandi novità, ma si è lavorato molto sugli assetti per definire la base del prototipo 2018. Come sempre veloce Aleix Espargaro, non troppo entusiasmante il debutto di Scott Redding (15esimo a 1”886).

Franco Morbidelli

76 giri per Franco Morbidelli, 18esimo a 2”573. «La moto era in configurazione “allenamento”, quindi un po’ sgonfia di potenza. Sono rimasto impressionato dall’impennamento della ruota anteriore, ma mi sono divertito molto».

Powered by moto.it

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport