Moto3, GP Aragon. Vince Martin. Remuntada Bezzecchi dalla 18^ alla 2^ posizione. Terzo Bastianini

MotoGp

Francesco Berlucchi

Una gara strepitosa di Marco Bezzecchi non basta all’italiano. Vince Jorge Martin, sempre al comando dalla prima all’ultima curva. Bez è secondo e limita i danni dopo la penalizzazione di dodici caselle in griglia. Terzo, Enea Bastianini. E con Fabio Di Giannantonio sono tre gli italiani nei primi quattro

IL GP DI ARAGON GIRO DOPO GIRO

LA CLASSIFICA - IL CALENDARIO

In Moto3 le penalizzazioni ridisegnano la griglia di Aragon. Marco Bezzecchi, Tony Arbolino, Enea Bastianini, Nicolò Bulega e Lorenzo Dalla Porta vengono retrocessi di dodici posizioni. Niccolò Antonelli e Andrea Migno partono dal fondo della griglia. Dennis Foggia addirittura dalla pit lane. Chi invece conquista e mantiene la pole position è Jorge Martin. La prima fila è tutta spagnola, con Jaume Masia e Aron Canet. E con il pilota di Corbera che, favorito dalle penalizzazioni agli altri piloti, passa addirittura dalla nona alla terza posizione.

Martin scatta bene dalla P1 e prova subito a fare la lepre nel deserto di Aragona. Dietro di lui, il compagno di box Fabio di Giannantonio, che partiva dalla quarta posizione; poi Canet, Masia, Marcos Ramirez, Adam Norrodin e Albert Arenas.

Partito 18esimo, Bezzecchi dà spettacolo con una serie di sorpassi incredibili. Il suo giro veloce in 1’58”837 ne certifica il ritmo. Lo slalom tra i paletti degli altri piloti è preciso, inarrestabile. Quando mancano ancora 15 giri, Bez è già secondo: davanti a lui, solo Jorge Martin. Tra i due, però, ci sono oltre 4 secondi a vantaggio dello spagnolo, che ha sfruttato la penalizzazione dell’italiano per guadagnare un ottimo margine sul rivale per il titolo mondiale, e su tutti gli altri piloti.

Nel frattempo si ritira Aron Canet, mentre Bezzecchi viene inghiottito nuovamente nel gruppetto dei primi inseguitori. Bez non ci sta, e riconquista la seconda posizione con un piccolo margine di sicurezza. A due giri dal termine cadono Gabriel Rodrigo, alla curva 3, e Niccolò Antonelli, protagonista di una bella gara in rimonta. Bastianini passa Ramirez all’interno e si porta in terza posizione. Dietro a lui, adesso c’è Di Giannatonio.

Vince Martin, sempre davanti dalla prima all’ultima curva. Secondo è Bezzecchi, che rimonta dalla 18 esima alla seconda posizione, perde 5 punti dallo spagnolo del Team Gresini e passa da 8 a 13 lunghezze, ma rimedia alla grande alla penalizzazione in griglia. Enea Bastianini conquista il terzo gradino del podio. Quarto Di Giannantonio, ora terzo in classifica generale a - 41 da Martin. E con Bestia a 58 punti dallo spagnolo, sono tre gli italiani nei primi quattro in classifica. Proprio come ad Aragon, sempre loro.

«Sono senza dubbio contento perché un podio è sempre un podio – spiega Bezzecchi – ma non ho capito cos’è successo in qualifica. Comunque non è certo questo che mi butta giù. Sono partito più forte possibile ed è andata bene. Avevamo pensato ad una strategia, che poteva funzionare partendo sesto. Quindi abbiamo dovuto cambiare, e questo mi ha permesso di fare un’ottima rimonta. Sono soddisfatto del lavoro che abbiamo fatto e del recupero in gara, ma non sono affatto contento di questa penalizzazione. Torneremo ancora più forti». 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche