MotoGP, Valentino Rossi preoccupato: "Provato prototipo motore Yamaha 2019, ma stessi problemi"

MotoGp

Non conosce fine la crisi della Yamaha e dopo la deludente prova di Aragon, il "Dottore" continua ad essere molto preoccupato per il presente e per il futuro: "Abbiamo provato un prototipo del motore 2019 - ha detto - Speriamo che non sia definitivo, perché è praticamente uguale a quello precedente"

LA CLASSIFICA - IL CALENDARIO

ARAGON, VINCE MARQUEZ. 2° DOVIZIOSO, 3° IANNONE

MEDA: "UN GRAVE ERRORE SPRECARE ROSSI"

La crisi della Yamaha è proseguita ad Aragon. L'ottavo posto di Valentino Rossi e l'opaca prova di Maverick Vinales hanno acuito problemi che restano tuttora irrisolti in casa Yamaha. La preoccupazione per ciò che sarà nelle successive gare, ma non solo, anche in previsione 2019 è lampante. A sottolineare, ancora una volta, i problemi legati allo sviluppo della M1 è stato lo stesso Valentino Rossi, già molto critico negi confronti degli ingegneri giapponesi durante tutto lo scorso weekend. Honda, Ducati e ora anche le Suzuki paiono di un altro pianeta e non sembrano arrivare soluzioni adeguate per colmare il gap. Al termine del GP di Aragon Rossi ha rivelato di aver provato un proptotipo del motore versione 2019 della sua Yamaha che non lo ha per nulla soddisfatto. "Ho provato la prima edizione del motore 2019 della M1, sì, ma penso e spero che non sia la versione finale, perché ha solo piccole modifiche ed è molto simile a quello che stiamo usando ora - ha affermato Valentino a Motorsport.com - Spero che a Iwata continuino a lavorare, perché il motore è uno dei problemi, per noi. I nostri ingegneri devono renderlo migliore".

E ancora a rincarare la dose di preoccupazione, il ritardo con cui la Yamaha sta proponendo ai piloti nuovi aggiornamenti: "Una cosa preoccupante è che, di solito, i test a Brno che si fanno dopo la gara erano il momento in cui negli anni passati provavamo la M1 dell'anno successivo. Ma nelle ultime due stagioni questo non è avvenuto. Dov'è la moto dell'anno prossimo? Boh, io non lo so, chiedetelo ai giapponesi. Sfortunatamente nei test non abbiamo provato tante cose per il prossimo anno".

Rossi ce la sta mettendo tutta per aiutare gli ingegneri nello sviluppo: "Il mio lavoro non consiste nel dire 'abbiamo bisogno di un motore a V o modificare il telaio in questo modo'. Io posso individuare e dire quali siano i problemi. Siamo in difficoltà per quanto riguarda l'abbinamento moto-gomme, specialmente per quanto riguarda il posteriore. Sto cercando di spiegare questo fatto. Ma non dobbiamo focalizzarci su una sola area, perché i punti da sistemare sono diversi, secondo me. Ad esempio l'elettronica, il carattere del motore, e altre cose".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche