MotoGP, GP Austin 2019, Marquez: "Stringere la mano a Rossi? Come baciare una ragazza"

Nella conferenza del GP di Austin si è ancora parlato della stretta di mano post GP in Argentina tra Marquez e Rossi. Lo spagnolo: "E' stata una cosa naturale, come quando baci una ragazza, lo fai e basta". Il Dottore: "Era il momento giusto". Dovizioso: "Battere Marquez? Difficile, ma nulla è impossibile"

GP AUSTIN: VINCE RINS, 2° ROSSI

VIDEO. LA CADUTA DI MARQUEZ

CLASSIFICA - CALENDARIO

E' il ricercato d'America n.1, Marc Marquez, quasi imbattibile sul circuito texano di Austin. Quasi, perchè come ricorda in conferenza Dovizioso "niente è impossibile". Come batterlo è stato uno dei temi principali della conferenza stampa con cui si è aperta la settimana del terzo GP della stagione. Lui non ha paura: "Arrivo da un ottimo periodo ottimo e mi sento molto in forma. Anche la spalla va bene, non sarà un problema in gara come non lo è stato in Argentina". Ma il campione del mondo uscente è stato protagonista anche nel post GP a Termas de Rio Hondo: dopo un anno, ecco la stretta di mano con Valentino Rossi. "E' stato come dare un bacio a una ragazza, è naturale, fatto con trasporto... Non ho mai avuto problemi, la nostra è una relazione basata sul rispetto", ha dichiarato Marquez. Le parole del Dottore: "Era il momento giusto, aveva fatto un grande weekend, è stato normale farlo".

Dovizioso: "Niente è impossibile"

"Sono felice di com'è andata in Argentina, il nostro passo era buono e ha confermato l'ottimo ritmo che stiamo avendo. Marc ha già dimostrato di essere il re di questo tracciato, sarà dura per tutti, ma vedremo, ci sono tante variabili che potranno influenzare il GP e nulla è impossibile. Abbiamo un assetto superiore a quello del 2018, mi aspetto di essere più competitivo. L'obiettivo è il podio, ma come in ogni weekend potrà succedere di tutto".

Rossi: "Nessuno è battuto in partenza"

"Una delle cose più belle di quando hai un weekend come il nostro in Argentina è la settimana successiva, perchè sei ancora felice e rilassato. Ho cercato di prepararmi al meglio per questo circuito che è uno dei più difficili, tecnici, lunghi della stagione. Il primo anno ero molto lento, avevo bisogno di tempo per capire il tracciato, ma già dal 2014 sono riuscito a migliorare, sono anche salito sul podio, nel 2017 sono arrivato secondo, quindi è vero che è difficile, ma la nostra moto non è male. I numeri dicono che Marc qui è imbattibile perchè vince sempre, ma di certo non parti da casa pensando che sia impossibile batterlo".

1 nuovo post
L'asfalto è una delle incognite del weekend: dopo i lavori svolti per ridurre le buche non sono ancora stati fatti test sul tracciato. Il responsabile Michelin, Piero Taramasso: "Non sappiamo cosa aspettarci, avremo le prime risposte solo dalle libere del venerdì".
 
- di Redazione SkySport24
Alle 19 l'inizio della conferenza stampa, Mauro Sanchini e Antonio Boselli introducono i temi del weekend...
 
 
 
 
- di Redazione SkySport24

La battaglia Dovizioso-Rossi

Alle spalle di Marquez infiammò la domenica di MotoGP il duello per il secondo posto tra Andrea Dovizioso e Valentino Rossi. La spuntò il Dottore, a cui il podio mancava da ben otto mesi.

- di Redazione SkySport24

Un ottimo segnale per lui e per la Yamaha. Peccato per l'altro pilota del team ufficiale, Maverick Vinales, caduto nel finale dopo un contatto con Franco Morbidelli mentre lottavano per il quinto posto.

- di Redazione SkySport24
Austin è uno dei pochi tracciati del Mondiale 2019 in cui Rossi (che in carriera ha vinto ben 23 circuito diversi in top-class) non ha lasciato il segno con Aragon, Buriram (1 sola gara) ed il Red Bull Ring, tutti introdotti in calendario dopo il suo ultimo titolo (2009).
- di Redazione SkySport24

I numeri di Marquez

In Argentina Marquez ha vinto la sua 45esima gara in MotoGP, poco più della metà rispetto a Rossi, primatista assoluto a quota 89 successi.

- di Redazione SkySport24

Per trovare un inizio di stagione migliore dello spagnolo bisogna tornare indietro di 5 anni - nella stagione delle 10 vittorie consecutive - e risalire al 2016 per rivedere Marquez in testa al Mondiale dopo sole due gare.

- di Redazione SkySport24

In caso di un'ennesima vittoria, abbatterebbe o eguaglierebbe altri record: 7 infatti è il numero di vittorie consecutive su un determinato circuito nell'era moderna firmato da Rossi al Mugello dal 2002 al 2008.

- di Redazione SkySport24

Dopo questa impresa di Rossi, a Marquez resterebbe da eguagliare solo Giacomo Agostini: 9 successi consecutivi sulla pista finlandese di Imatra dal 1965 al 1973 e 8 consecutivi a Spa dal 1966 al 1973, tutti ottenuti con la MV Agusta.

- di Redazione SkySport24

Austin ospita la MotoGP dal 2013. Marquez ha vinto tutte le gare disputate qui finora, sei siglando sempre la pole position.

- di Redazione SkySport24

Si riparte da Marc Marquez, già leader del Mondiale dopo 2 gare con 4 punti di vantaggio di Dovizioso e 14 su Rossi.

 

 

- di Redazione SkySport24

Il circuito

La pista di Austin, denominata Circuit of the Americas (COTA), è tra le quattro in calendario insieme a quelle di Barcellona, Zeltweg e Silverstone ad ospitare anche gare di Formula 1.

- di Redazione SkySport24

La staccata più impegnativa coincide con la curva 12, dove si frena per 6,3 secondi coprendo una distanza di circa 300 metri con una decelerazione di 1,5g.

- di Redazione SkySport24

Gli Stati Uniti hanno ospitato la MotoGP in 31 occasioni: 15 a Laguna Seca, 8 a Indianapolis, 6 ad Austin e 2 a Daytona.

- di Redazione SkySport24

Nel 2013 furono disputate ben tre gare negli Stati Uniti: ad Austin, a Laguna Seca e ad Indianapolis.

- di Redazione SkySport24
Terzo appuntamento del Motomondiale, dopo Qatar e Argentina è arrivato il momento degli Stati Uniti: si corre ad Austin, in Texas.
- di Redazione SkySport24

MOTOGP: SCELTI PER TE