Taramasso (Michelin): "Cosa cambia con nuova gomma posteriore? C’è più grip in trazione"

MotoGp

Il responsabile Michelin della MotoGP spiega come la nuova carcassa potrà influenzare la guida dei piloti nel 2020 .  "L’area di contatto con il suolo è più grande, in trazione ora c’è più grip"

Una delle novità della prossima stagione in MotoGP è la nuova carcassa Michelin al posteriore. Una gomma che influenzerà lo stile di guida dei piloti. Chiedere ad Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci: i due ducatisti, che nei test a Sepang stanno cercando di trovare la quadra, hanno subito intuito come la nuova gomma potrà avere un ruolo cruciale nel 2020. Ecco che Piero Taramasso, responsabile Michelin MotoGP, ha spiegato a Sky Sport cosa cambia davvero.

Dovizioso in piega nei test in Malesia - ©Getty

Contact patch più ampio

"La gomma sta piacendo a tutti i piloti – esordisce Taramasso al microfono di Sandro Donato Grosso -. Quando la moto è inclinata, l’area di contatto con il suolo (il cosiddetto contact patch) risulta più grande. Questo significa che quando i piloti accelerano, nella fase di trazione, avranno un grip maggiore, una motricità superiore rispetto all’anno scorso".

 

Cosa dovranno fare i piloti?

Tutti i rider della MotoGP saranno costretti, dunque, ad adeguarsi a questo cambiamento. "Dovranno adattare il loro stile di guida alla nuova carcassa – prosegue Taramasso -. Ma anche il telaio e le sospensioni, in modo da compensare questo maggior grip".

 

Austria e Thailandia le due eccezioni

La nuova posteriore sarà utilizzata su gran parte dei circuiti, a eccezione di Austria e Thailandia. “In quei  tracciati avremo gomme specifiche", conclude Taramasso. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport