MotoGP, GP Catalunya: è stato il weekend delle sorprese. Curiosità e numeri

MotoGp

Michele Merlino

No, non è la lotteria di Baku, è il GP di Catalunya di MotoGP: la fiera dell'incertezza. Il successo va a Oliveira (KTM): sesto vincitore diverso negli ultimi 6 GP di Catalunya e quarta moto diversa negli ultimi 4 anni. Alle spalle del portoghese Zarco e Miller: primo dopo podio della Ducati a Montmelò

GLI HIGHLIGHTS DEL GRAN PREMIO

Podio inedito

Lo avevamo scritto nella preview del GP: pronostico impossibile, e così è stato.

Quartararo sembrava avere il controllo della situazione, ma ci si è messa la tuta a rallentarlo e a darci il sesto vincitore diverso negli ultimi 6 GP di Catalunya dopo Rossi nel 2016, Dovizioso nel 2017, Lorenzo nel 2018, Marc Marquez nel 2020 e il suddetto Quartararo l’anno scorso. La sequenza diventa ancora più incredibile se consideriamo che negli ultimi 4 anni sono 4 le moto diverse ad aver vinto: Ducati, Honda, Yamaha, KTM, non era mai successo nei 30 anni di storia del circuito catalano. Dietro al vincitore Oliveira, Zarco e Jack Miller: tutti e tre non erano mai saliti sul podio in Catalunya in top-class, Miller nemmeno nelle classi inferiori.

Niente spagnoli

Tra i dati più curiosi di questo GP c’è sicuramente quello relativo alla mancanza di piloti spagnoli sul podio di una delle loro gare di casa: non accadeva dal 2006 al Catalunya…e si verifica proprio nel GP successivo alla conquista del 500° podio spagnolo nella classe regina.

Due Ducati sul podio

Johann Zarco e Jack Miller hanno dato il primo doppio podio Ducati al Catalunya, il circuito in cui il marchio italiano ottenne la sua prima vittoria nel 2003. Non solo: la Ducati taglia e passa il traguardo dei 170 podi in top-class, prossima fermata la MV Agusta a 213, il marchio italiano con più podi. Con le Ducati sul podio la KTM, per un podio senza moto giapponesi che nel 2020 avevamo visto in Stiria, che a sua volta era la prima volta da Anderstorp 1973.

La striscia di Quartararo

Quartararo ha mancato la vittoria alla domenica, ma al sabato sta diventando sempre più rullo compressore. È alla sua quinta pole di fila, una sequenza che comincia a muovere numeri importanti. L'ultima striscia da almeno 5 pole non è molto distante: Marc Marquez ne infilò 7 da Valencia 2013 a Mugello 2014, ma ad un pilota Yamaha questa sequenza mancava dal 2010 (Lorenzo da Silverstone a Laguna Seca) e ad un francese addirittura dal 1988 (Christan Sarron dal Salzburgring al Paul Ricard). Fabio ora è atteso al Sachsenring, per diventare il primo francese con una sequenza di 6 pole in top-class.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport