MotoGP, Vinales dopo il 2° posto a Silverstone: "Aprilia, questo è solo l'inizio"

MotoGp
©Getty

Grande soddisfazione per Maverick Vinales dopo il secondo posto di Silverstone. Il pilota spagnolo ha parole al miele per Aprilia: "Hanno creduto in me, che bello ripagarli così. Sono già carico per l'Austria, non vedo l'ora". Poi sul rapporto con Massimo Rivola: "Lo stimo molto, ha spinto tanto affinché firmassi per il team"

HIGHLIGHTS - PAGELLE

Maverick Vinales è finalmente tornato sui suoi livelli dopo mesi di torpore agonistico tra fine 2021 e inizo 2022. Terzo ad Assen, secondo a Silverstone con una rimonta nel finale che l'ha quasi proiettato in testa alla corsa (Bagnaia si è difeso con le unghie e con i denti, costretto a tirare fuori il massimo dalla sua Desmosedici per tenere a distanza lo spagnolo). Poco male, l'appuntamento con la vittoria sembra solo rimandato per il pilota dell'Aprilia, raggiante come non mai dopo il secondo podio di fila in stagione. "Il team ha creduto in me - ha detto l'ex rider Yamaha a Sky Sport -. Sono felice di poterlo ripagare così. Ho tanta euforia addosso, non vedo già l’ora di essere in Austria. Sono carico, questo è solo l'inizio. Dobbiamo continuare a spingere e crescere". Poi Vinales parla del compagno di team, Aleix Espargaró. "Abbiamo un bel rapporto, anche se poi in pista siamo rivali - ha proseguito -. Lui si sta giocando il campionato, se ci sarà occasione lo aiuterò come posso per raggiungere l'obiettivo".

Vinales: "Stimo Rivola, mi ha fortemente voluto"

vedi anche

Espargaró eroico: cade, torna in pista e chiude 6°

Intervistato da Guido Meda a "Race Anatomy" Vinales ha anche parlato dell'amministratore delegato di Aprilia Racing, Massimo Rivola. "Ho una stima incredibile di lui, ha sempre creduto in me e ha spinto tanto per avermi nel team". Rivola ricambia e 'bacchetta' scherzosamente il suo pilota: "Nessuno ha mai messo in discussione il talento di Maverick, ma oggi voglio sgridarlo: quando sei il più veloce in pista devi vincere!". E l'iberico non si oppone: "Massimo ha ragione". Il successo è solo rimandato, il vero Vinales è tornato.