MotoGP, Domenicali: "Bagnaia e Bastianini hanno grandi ambizioni"

ducati

L'Amministratore Delegato della Ducati, Claudio Domenicali, ha parlato a margine della presentazione di Madonna di Campiglio: "Nel 2022 abbiamo fatto un en-plein pazzesco, l'impegno per confermarlo è massimo. Non sarà facile, ma è una sfida affascinante. La rivalità tra Bagnaia e Bastianini ci sarà, non sarà una passeggiata, ma cerchiamo di contenerli e di divertirci"

TUTTE LE FOTO DELLA NUOVA DUCATI

Claudio Domenicali ha parlato a margine della presentazione della Ducati, che nel 2023 difenderà il titolo mondiale sia in MotoGP che in Superbike. Ecco le parole dell'Amministratore Delegato della casa di Borgo Panigale. 

"Non sarà una passeggiata con Bagnaia e Bastianini"

"I piloti si sono riposati ma si sono anche allenati. Ora hanno voglia di andare in moto e di misurarsi con gli altri. Quindi sia in MotoGP che in Superbike, vedremo fin dai test come saremo messi. Bisogna trovare il bilanciamento giusto, l'anno scorso ci siamo spinti troppo. Quest'anno c'è stata più cautela nell'approccio, la moto nuova non esiste. Esistono delle novità, un insieme di pezzi e produzioni che verranno provate. In Malesia vedremo, alcune le ha già testate Pirro, ma poi servirà il benestare di Pecco ed Enea. Dopo i test sapremo con che configurazione partire. Partire a Portimao non è tanto differente dal Qatar, è una gara singola. Le prime gare sono di rodaggio per tutti, usciti dal Portogallo avremo qualche indicazione in più sul Mondiale. Mi immagino un campionato difficile, anche per noi. Pecco è campione e vuole confermarsi, Enea vuole diventare campione. Hanno grandi ambizioni, ma hanno chiaro che la rivalità va contenuta in un certo limite. La rivalità ci sarà, ma la squadra è solida e ha esperienza. Non sarà una passeggiata, ci siamo presi qualche rischio e magari vedremo anche qualche sfregio marginale, ma cerchiamo di contenerli e divertirci".

"Ci impegniamo per confermarci nel 2023"

il campione

Bagnaia: "Sono carico, voglio mantenere il n° 1"

"Ci stiamo mettendo molto impegno, la presentazione lo dimostra. L'impegno per questo 2023 sarà fortissimo. E' difficile confermarsi, ma faremo il massimo per provarci. Ci stiamo impegnando come non mai nelle gare. Questa marca non è solo tecnologia, ma anche amore e divertimento. Guardiamo al futuro, quest'anno forniamo per la prima volta la MotoE. Investiamo tecnologia e capitali, non siamo pronti adesso ma ci stiamo lavorando. Le corse fanno parte del nostro DNA e lo faranno sempre. Il 2022 è stato un anno importante, quest'anno è particolarmente emozionante. Veniamo da un anno straordinario, vincendo per la prima volta i mondiali team e squadre, piloti in MotoGP e Superbike. E' stato un en-plein pazzesco. Anno eccezionale non solo nella parte sportiva, ma anche nelle vendite. Ci piace essere metodici ma non prenderci troppo sul serio. Ci piace divertirci, è un tipo di cultura. Credo sia merito anche di questo che abbiamo colto certi risultati, vogliamo portarla avanti anche in questo 2023".

"Fieri ambasciatori del Made in Italy"

il nuovo arrivo

Bastianini: "Bagnaia sarà l'avversario da battere"

"Oggi viviamo un altro momento memorabile per Ducati. Per la prima volta nella storia dell’Azienda presentiamo insieme i team ufficiali impegnati nei campionati MotoGP e WorldSBK, il Ducati Lenovo Team e il Team Aruba.it – Racing Ducati. Ripartire tutti insieme è uno splendido modo per celebrare il valore e le competenze della squadra Ducati Corse migliore di sempre, che con il suo lavoro quotidiano ci ha portato sul tetto del mondo. Dopo gli incredibili successi della passata stagione sportiva, la sfida della riconferma ci affascina molto e sono contento che cominci da una location come Madonna di Campiglio, perfetta espressione del “Made in Italy” di cui siamo fieri ambasciatori. Ducati è un marchio caratterizzato da stile, prestazioni e tecnologia, in cui la passione per le corse è un elemento centrale. Lavorare divertendoci è parte del nostro credo: dà un valore aggiunto a ciò che facciamo e ci permette di impegnarci ancora di più gestendo meglio la fatica".