Dakar 2017, mini-guida alla regina dei raid

Motori
Dakar 2017 - Peugeot 3008 DKR (foto Getty)
GettyImages-630685440

Parte la Dakar 2017, dal 2 al 14 gennaio, 9000 km tra Paraguay, Bolivia e Argentina. Sarà la più dura di sempre in Sud America. Da seguire su Eurosport canale 210 piattaforma Sky con il magazine serale e su sport.sky.it/motori

Se Marc Coma, direttore sportivo della Dakar, dice che questa 38esima edizione sarà la più dura tra quelle disputate sino ad oggi in Sud America, c’è da credergli. Coma è uno che se ne intende, avendo portato a casa cinque vittorie tra le moto, prima di essere coinvolto ai massimi livelli nell’organizzazione della regina dei raid.

Il percorso - Si parte da Asuncion in Paraguay per arrivare a Buenos Aires il 14 gennaio dopo aver attraversato anche la Bolivia. La corsa è divisa in 12 tappe per un totale di 9000 km di cui 4200 di prove speciali, dal caldo torrido al gelo andino. L’altitudine fa paura con sei giorni consecutivi a più di 3000 metri e la navigazione ritornerà ad essere uno dei fattori chiave per la vittoria finale. Sono ben 59 le nazioni rappresentate al via (491 competitors su 316 mezzi) con 18 equipaggi a rappresentare l'Italia, tre in più del 2015, divisi tra 11 moto, 5 auto e 2 camion.

I favoriti tra le auto - Lo squadrone Peugeot con le nuove 3008 DKR sembra imbattibile sulla carta, potendo schierare mezzi al top e quattro piloti fantastici. Da Stephane Peterhansel, il re della Dakar con 12 vittorie equamente divise tra moto e auto, a Sebastien Loeb, nove volte campione del mondo rally e talento assoluto del volante (WRC, WTCC, GT, rally raid, va fortissimo con qualsiasi mezzo). Da Cyril Despres, quattro trionfi in moto ed ora velocissimo anche con le auto, a Carlos Sainz che non ha certo bisogno di presentazioni.
Per Peugeot non sarà però una passeggiata. La concorrenza c’è ed è qualificata. Toyota con le Hilux (sua la Cross Country Rally World Cup 2016) punta in alto con de Vilier, Roma (sua la Dakar 2004) e Nasser Al Attiyah il principe delle corse nel deserto che ha già vinto nel 2011 e nel 2015.
La Mini del Team X-Raid, perso Al Attiyah, si affida al talento rallistico del finlandese Mikko Hirvonen e la squadra saprà essere competitiva.

I favoriti tra le moto: Toby Price, numero uno della KTM, è il principale candidato alla vittoria, ma dovrà stare attento alla concorrenza interna degli ufficiali Walkner e Sunderland. Dimenticare il team factory Honda HRC con Barreda e Goncalves sarebbe sbagliato così come trascurare il nostro Botturi, ufficiale Yamaha. Altro italiano da osservare con attenzione, tra gli 11 delle moto, è Cerutti, arrivato ad un passo dalla top 10 nel 2016. Menzione speciale per Franco Picco alla 25esima Dakar (esordio a podio nel 1985) che a sessant’anni passati sarà ancora in corsa tra le moto. Un mito, vero, della Dakar.

Come seguire la Dakar: dal 2 al 14 gennaio aggiornamenti quotidiani su Eurosport, canale 210 della piattaforma Sky, con il magazine serale (h 23 circa) e su sport.sky.it/motori.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport