26 gennaio 2017

SBK 2017, Rea è il più veloce nei test di Jerez

print-icon
SBK

Rea cade, ma domina nei due giorni di test di Jerez. Savadori eccezionale secondo, mentre Melandri precede Davies. Buono il debutto della nuova Honda

La pista di Jerez piace molto a Rea, tanto che nei test di novembre 2016 aveva addirittura preceduto le MotoGP con l’incredibile crono di 1'38"721. In questi due giorni di test il nordirlandese non si è ripetuto, ma ha comunque chiuso al primo posto con un tempo di 1’39”809. Anche nella giornata di ieri Johnny aveva messo tutti in fila (1’40”162) e oggi, pur senza montare le gomme da tempo, si è migliorato ed ha preceduto la sorpresa Savadori. Il giovane pilota dell’Aprilia ha dimostrato di trovarsi a proprio agio con la sua nuova squadra e di aver ormai imparato tutti i segreti di una RSV4 che in Aprilia promettono di sviluppare per poter contrastare la supremazia Kawasaki. Il suo tempo Lorenzo l’ha fatto con le gomme da qualifica, ma anche con quelle da gara aveva dimostrato di poter andare forte.

Johnny Rea - "Sono stati due giorni di test molto positivi – ci ha dichiarato al termine delle prove – E’ stato importante ritornare in moto dopo tanto tempo e posso dire di essermi trovato molto bene sia con la moto che con il team. Il mio best lap l’ho fatto con le gomme da qualifica, ma ero stato molto veloce anche con le gomme da gara. L’obiettivo resta quello di migliorare e quindi continueremo a lavorare a testa bassa per disputare un buon inizio di stagione".

Tom Sykes -  una caduta che lo costringe al terzo posto. a meno di tre decimi dal giovane italiano, ma comunque davanti alle due Ducati di Melandri e Davies. Per la prima volta da quando è salito sulla rossa bolognese, l’italiano precede Chaz che però sappiamo quanto prediliga le gare alle prove. Il gallese ha lavorato molto con il suo team per prepararsi al debutto di Phillip Island. Melandri gli lancia un bel segnale, ma soprattutto conferma che ormai il suo apprendistato con la Panigale è terminato e che i primi della classe dovranno fare i conti con lui.

Ecco le dichiarazioni dei due alfieri della casa italiana:

Marco Melandri - “È stato un test molto positivo. Dopo l’infortunio al menisco mi aspettavo qualche difficoltà in più in questi primi giorni di prove, e invece mi sento piuttosto bene. La squadra sta facendo un grande lavoro e sono sempre più a mio agio sulla moto. Abbiamo ancora qualche difficoltà con gomme nuove, anche perché con questo clima si fa più fatica a mandarle in temperatura, ma stiamo procedendo nella giusta direzione. Mi sarebbe piaciuto fare una simulazione di gara ma abbiamo deciso di rimandare a Portimão perché dopo la lunga pausa ho avuto qualche problema alle mani. Fisicamente comunque mi sento bene, ho recuperato pienamente e sono sicuro che sarò al 100% per Phillip Island”.

Chaz Davies - “Come primo test del 2017, tutto sommato possiamo essere soddisfatti. È sempre un po’ difficile fisicamente perché veniamo da due mesi di pausa, ma abbiamo ripreso gradualmente gli automatismi. Inoltre Ducati ha portato molte novità e, nonostante abbiamo valutato gli aggiornamenti più importanti, la lista è ancora lunga e ci resta del lavoro da fare a Portimão. Siamo comunque riusciti a migliorarci nell’arco delle due giornate, anche mischiando un po’ le carte con il setup. Le prove servono a questo, seguire un programma metodicamente per affrontare nuove sfide. Se dovessimo correre domani, probabilmente useremmo un assetto più familiare, ma in questo momento è più importante continuare con lo sviluppo prima di andare in Australia”.

Il team Honda - Molto positivo il debutto della nuova Fireblade che Hayden porta al sesto posto, cedendo sette decimi a Rea, ma solo due a Davies. Non va male nemmeno Stefan Bradl che termina con il non tempo assoluto e che siamo certi potrà far meglio già nei prossimi test di fine settimana a Portimao.

Il team Yamaha - Lowes porta il sorriso in casa Yamaha non tanto per la sua settima posizione, ma per essere sempre stato molto veloce in entrambe le giornate, senza commettere errori. Fatica un poco il suo nuovo compagno di squadra VdMark che non è sembrato a proprio agio sulla R1. L’olandesino ha preceduto di un solo decimo un concreto Krummenacher, con la Kawasaki privata del team Puccetti, entrambi al debutto assoluto in Superbike. L’austriaco è anche caduto toccandosi con Laverty, ma per fortuna nessuno dei due piloti si è fatto male. Il rientrante Eugene qui a Jerez ha accusato del chattering in ingresso di curva ed ha capito che questa RSV4 non è quella che guidava lui prima della sua migrazione in MotoGP. Ben vengano quindi per lui i test in Portogallo e successivamente in Australia, per potersi avvicinare ai piloti più veloci.

Il team BMW - Giornata da dimenticare per Jordi Torres che è caduto riportando una lussazione alla spalla destra. Infortunio che mette in forse la sua partecipazione ai test di Portimao. Il suo compagno di squadra Reiterberger ha chiuso dodicesimo, a pochi millesimi da Krummenacher.

Ed ora i piloti e i team si sposteranno a Portimao per altri due giorni di prove, prima di spedire le moto in Australia per il round 1 del mondiale 2017. In Portogallo ci sarà anche Mercado con l’Aprilia del team Iodaracing.

I tempi:

1. Rea - Kawasaki) - 1’39″809

2. Savadori - Aprilia) - 1’39″920

3. Sykes  - Kawasaki - 1’40″219

4. Melandri  - Ducati - 1’40″313

5. Davies  - Ducati - 1’40″324

6. Hayden  - Honda - 1’40″548

7. Lowes – Yamaha - 1’40″800

8. Fores  - Ducati - 1’40″835

9. Bradl  - Honda - 1’40″854

10. Van der Mark  - Yamaha - 1’41″450

11. Krummenacher  - Kawasaki - 1’41″566

12. Reiterberger  - BMW - 1’41″578

13. Laverty  - Aprilia - 1’41″896

14. Haslam  - Kawasaki - 1’41″928

15. Mossey  - Kawasaki- 1’42″349

16. Torres  - BMW - 1’42″518

Powered by moto.it

Tutti i siti Sky