Kia Stinger, il missile coreano da 370 CV è comodo e super veloce

Motori
kia-stinger-117

Le berline sportive tedesche dovranno iniziare a temere la concorrenza asiatica. Tanta qualità e prestazioni elevate per la nuova supercar della casa coreana

Il recinto delle berline sportive di lusso è più carico che mai nell’ultimo periodo. Auto capaci di coniugare sportività e prestazione al grande comfort delle chilometriste più accreditate. Inutile dire quanto le tedesche dominino in questo settore, dove è la qualità a farla da padrone e dove la presenza sul mercato da anni riesce a dare ancor più lustro a questi nomi.

A rimescolare le carte è arrivata Kia con la nuova Stinger, una berlina quattro porte lunga 4,83 m, larga 1,89 e alta 1,40. Si tratta di una vettura completamente nuova per la casa, proposta con tre diverse soluzioni di motorizzazioni, una diesel 2.2 L da 200 CV e 430 Nm di coppia, un 2.0 L T-GDI da 255 CV e 350 Nm di coppia, oltre a un 3.3 L bi-turbo V6 da 370 CV e 510 Nm di coppia.
A queste versioni, disponibili con trazione posteriore e differenziale autobloccante di serie, è possibile  accoppiare le quattro ruote motrici, mentre il cambio è un sequenziale a 8 rapporti sviluppato internamente da Kia.

Quindi, se all’inizio avete storto il naso, aspettate di sedervi a borde dell’auto. Il sedile e il volante elettrici scorrono indietro per permettervi un accesso più confortevole e una regolazione più precisa.  Il design dell’interno non spicca quanto a originalità, ma sa conquistare per la cura dei materiali e delle rifiniture, oltre che a un’alta percezione di solidità negli accoppiamenti.
La dotazione per l’assistenza alla guida è da segmento premium e tutto questo conduce a una marcia rilassata, ottima per chi deve affrontare lunghi percorsi e ha bisogno di praticità e spazio.

Le prime due delle cinque modalità di guida (Smart, Eco, Comfort, Sport e Sport +), consento di tenere i consumi sotto controllo, ma se è il brivido che si cerca bisogna inserire una delle ultime due modalità. La macchina diventa più rigida, il volante più reattivo e con la trazione integrale il V6, su strada, diventa un arma tagliente, caratterizzata da una notevole motricità e precisione nella guida, anche le cambiate sono fulminee e trovarsi oltre il limite consentito è un batter d’occhio.

Tutto questo, però, non deve portarvi a pensare che l’auto sia stata concepita per la pista, il peso si sente e l’assetto non digerisce bene i cordoli, ma una volta capito come interpretarla si riesce a usare divertendosi senza stressarla troppo.

Powered by automoto.it

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche