Honda CRF250R 2018: tutta nuova!

Motori

La Honda CRF250R 2018 cambia tutta. Arriva il telaio in alluminio di settima generazione e il motore bialbero con avviamento elettrico e mappe. Crescono la potenza e l'allungo, migliora la risposta precisa della nuova forcella Showa a molla da 49 mm

La novità principale è nel motore quattro tempi, che adotta una nuova testata bialbero con quattro valvole. Per la prima volta un motore CRF-R da cross abbandona la soluzione UNICAM monoalbero. Il bialbero permette di aumentare l'allungo e la potenza massima, con un incremento del 9%. Inoltre l'avviamento elettrico è di serie.
Novità importanti riguardano anche la ciclistica, che impiega il nuovo telaio in lega di alluminio di settima generazione, con un disegno del tutto simile a quello della nuova CRF450R. Si torna poi alla molla - basta aria - con la forcella Showa con steli da 49 mm. Modificate anche l'ergonomia e le mappature motore.

Il telaio in lega di alluminio di settima generazione pesa 340 grammi in meno e soprattutto ha geometrie del tutto simili alla nuova unità adottata dall'ultima CRF450R. La sella è più alta di 6 mm (957 mm). Il peso in ordine di marcia è di 103,3 kg, che diventano 108 kg con il pieno di benzina (il serbatoio, ora in titanio, è da 6,3 litri e pesa 513 grammi meno rispetto al predente di plastica).

La forcella ad aria del modello precedente è stata sostituita da una forcella a molla elicoidale Showa da 49 mm.
La moto è distribuita in Italia da Redmoto e ha un prezzo di listino di 8.990 euro, ma basta essere in possesso della licenza sportiva (rilasciata da qualsiasi ente o federazione motociclistica) per usufruire dello sconto che porta il prezzo a 8.390 euro.
L'ergonomia è piacevole come sempre, si apprezza subito il serbatoio in titanio più basso e ci si muove bene in sella. L'avviamento elettrico è prontissimo e il motore bialbero gira subito molto regolare, con una bella rumorosità di scarico.

Il monocilindrico è cresciuto parecchio sia nella potenza, ritenuta il suo tallone d'Achille dai piloti più veloci, sia nell'allungo. Anche la coppia a metà regime si fa sentire in modo apprezzabile. La ciclistica si conferma il fiore all'occhiello di questa Honda, oggi supportata anche da un motore coi fiocchi. E' precisa sul veloce e conserva un inserimento in curva facile, immediato. In aria è come sempre molto ben bilanciata e sincera.

Powered by moto.it

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche