Suzuki SV650X, il test della café racer di Hamamatsu

Motori

Luca Frigerio

Spirito corsaiolo e look old-style sulla base della mitica SV650: ecco come va la nuova Suzuki SV650X 2018

Con 265.000 unità vendute, la Suzuki SV650 si è guadagnata la “Hall of Fame” del Marchio di Hamamatsu. Ma la dinastia “SV” non è ancora finita, anzi: al Salone di Milano 2017 è stata presentata la SV650X, una versione cafè racer della naked giapponese che mixa il carattere sportivo con un’estetica accattivante.

Com’è fatta

Le modifiche più importanti riguardano la posizione di guida: la SV650X monta dei corsaioli semi-manubri in stile cafè racer e il faro anteriore è incorniciato da uno sportivo scudo arrotondato che le dona un tocco di aggressività. Inoltre, la sella ha delle rifiniture “a cannoncino” che ricordano molto i mezzi guidati dai giovani del movimento Rocker che animavano i locali negli anni ’60. Nuova anche la piccola carenatura sotto il serbatoio e la colorazione Glass Sparkle Black-Metallic Oort Grey. Il nuovo modello della Casa di Hamamatsu si ispira al passato, ma ci sono tanti dettagli moderni: il faro posteriore è a LED e il cruscotto è totalmente digitale e ricco di informazioni.
La nuova SV650X è spinta da un propulsore bicilindrico V-Twin raffreddato a liquido da 645 cc. Potenza di 76 CV a 8.500 giri/min, coppia di 64 Nm a 8.100 giri/min. E c’è anche la versione depotenziata da 35 kW per i possessori di patente A2. Per completare il pacchetto sono presenti di serie anche il Suzuki Easy Start System, che permette di avviare il mezzo con un rapido tocco, e il Low RPM Assist, che in fase di rilascio della frizione alza di poco il numero di giri per facilitare la ripartenza da fermi.
Il telaio a traliccio in acciaio è sostenuto da una forcella a steli tradizionali regolabile nel precarico e un mono-ammortizzatore al posteriore. Doppio disco anteriore flottante da 290 mm con pinze a due pistoncini all’anteriore e, dietro, singolo disco da 240 mm. L’impianto frenante è affiancato dall’ABS, presente di serie.

Foto: moto.it

In sella

I tecnici del Marchio di Hamamatsu hanno lavorato sodo sulla posizione di guida: i semi-manubri rendono la postura più puntata sulla ruota anteriore, più sportiva ma al tempo stesso confortevole. Suzuki ha quindi centrato l’obiettivo: estetica racing e comfort in ordine di marcia. Tra le curve si riesce a caricare meglio l’anteriore garantendo un maggior controllo del mezzo e tanta stabilità in fase di percorrenza. Di contro, a basse velocità e nelle manovre lo sterzo si indurisce.
La SV650X è bella compatta tra le gambe, sembra quasi un 125 tanto stretto è il serbatoio, ma offre un generoso spazio anche ai piloti più alti, merito anche della sella allungata posta ad un’altezza di 790 mm. Questo dimostra che la cafè racer di Hamamatsu è aperta ad un vasto pubblico di motociclisti e motocicliste.

Nei percorsi urbani ci si muove nel traffico senza difficoltà grazie ai semi-manubri stretti e il motore ha una buona spinta già dai bassi regimi (il Low RPM Assist aiuta nelle partenze anche chi è alle prime armi). La risposta dell’acceleratore è molto morbida e ai bassi le vibrazioni sono quasi inesistenti. L’unica cosa che non ci è piaciuta è la posizione degli specchietti retrovisori, molto bassi e arretrati: per fortuna si possono aprire le bacchette verso il davanti, a discapito però dell’estetica.
Imboccata una strada tutto curve, la Suzuki SV650X dà il meglio di sé: i 207 kg in ordine di marcia (con il pieno di benzina di 14,5 litri) sembrano la metà! Inserisce senza difficoltà e mantiene la linea impostata. Merito anche della gomma posteriore 160/60, misura rara su moto moderne al di sopra delle 600 cc, che esalta l’agilità della moto e la rende più rapida nei cambi di direzione.
Le sospensioni hanno una taratura un po’ troppo cittadina: fortunatamente la forcella è regolabile nel precarico, il monoammortizzatore purtroppo no. I freni hanno tanta modulabilità e la potenza frenante è equilibrata con la potenza del mezzo: le pinze a due pistoncini hanno però dei limiti che potrebbero essere raggiunti dai motociclisti più esperti nelle frenate più spinte. L’ABS è poco invasivo e, in caso di emergenza, interviene senza scomporre il veicolo e senza trasmettere troppe pulsazioni alle leve.
Quando si gira la manopola destra il sound è incredibile: più salgono i giri motore, più la SV650X accelera con grinta fino al limitatore. L’emozionante V-Twin è sempre molto lineare e pulito nell’erogazione: uscendo da un tornante la risposta dell’acceleratore è morbida e il bicilindrico prende giri senza strappare o mettere in difficoltà chi è alla guida.

I prezzi

Come la sorella naked, la versione “X” è dedicata sia ai motociclisti alla ricerca della prima vera moto, sia a chi usa la moto in ogni condizione, dalla città al giro nel fine settimana. La nuova Suzuki SV650X è già disponibile presso le concessionarie ufficiali della casa di Hamamatsu ad un prezzo di 6.990 euro f.c. nella sola colorazione grigio/nero con dettagli in rosso e cerchi neri. Ma non è tutto: Suzuki Italia ha dato vita ad una versione speciale ricca di accessori: si chiama SV650X-TER e monta un doppio scarico artigianale, nastri sui collettori, specchietti retrovisori modificati e portatarga più compatto con frecce a LED. Arriva a metà febbraio ad un prezzo di 7.390 euro f.c.

Powered by moto.it

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche