WRC 2018, Tour de Corse. Ogier l'indomabile

Motori

Andrea Crugnola

ogier_pagelle

Altro giro altra corsa, ma per gli altri. Ancora una volta l'alfiere M-Sport ha dettato legge e ha fatto capire ai suoi avversari che quest'anno, per batterlo, bisognerà andare molto più forte della passata stagione! Il podio aperto da Ogier viene chiuso da un ottimo Ott Tanak e un deluso Thierry Neuville.

Ogier voto 10: non ci sono più aggettivi per definirlo, che il ritorno di Loeb lo abbia stimolato a migliorarsi ulteriormente? Sembrerebbe di sì!

Tanak voto 9: la Corsica era sempre stata la gara in cui soffriva maggiormente, ed esserne uscito con un secondo posto, dimostra il salto di qualità fatto negli ultimi 2 anni.

Neuville voto 6: prestazione sottotono perché dopo la vittoria dello scorso anno ci si aspettava di vederlo lottare con Ogier.

Sordo voto 6: anche per lui, stesso discorso di Thierry. probabilmente in questo weekend un po' di colpa ce l'ha anche la Hyundai che non è stata all'altezza della situazione.

Evans voto 6: prima parte di stagione sotto le aspettative, qui correva con un nuovo navigatore e non è mai facile trovare il giusto feeling in così poco tempo. Merita la sufficienza

Lappi voto 6: un peccato perché sta dimostrando che la velocità non gli manca ma ad ogni evento commette sempre qualche sbavatura. La vittoria della power stage però, fa capire agli altri di che pasta è fatto!

Mikkelsen voto 5: forse il peggior weekend degli ultimi anni per il norvegese, apre la gara con un testacoda alla terza curva e da lì in avanti non riesce più a trovare il bandolo della matassa.

Meeke voto 5: questa volta esce di strada ma non per colpa sua, una vera disdetta perché stava facendo il suo. Ha perso velocità rispetto lo scorso anno ma sta trovando più cosistenza.

Loeb voto 5: commette un errore da principiante sulla seconda prova speciale che lo mette subito fuori dai giochi. Peccato perché anche in questa occasione non abbiamo potuto assistere al derby francese fino a fine gara.

Latvala voto 4: prima fatica a trovare il giusto passo e quando sembra finalmente averlo trovato sbaglia e sbatte contro una pianta dovendosi ritirare per aver piegato il roll bar.

Per il prossimo round si tornerà in sud America e di nuovo su terra. Ogier sta già tentando la fuga, perciò i suoi avversari sono già obbligati a non poter fare più errori. 

Il ruolo della posizione di partenza giocherà ancora una volta un ruolo fondamentale e speriamo, che rimescolerà le carte in tavola a favore dello spettacolo!

Powered by Fox Sports

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.