Dakar 2019. Tappa 7, tripletta della MINI

Motori
sainz_copertina

La settima tappa della Dakar 2019 è la prima ad anello, con partenza e arrivo da San Juan de Marcona, per un totale di 331km a cronometro. Da un lato, tra le auto, abbiamo assistito ad un’incredibile tripletta della MINI, con Peterhansel primo ma Al-Attiyah in controllo (Toyota). Dall’altro la classifica delle moto continua a cambiare, con Brabec che si riprende la leadership

Tripletta MINI, Al-Attiyah gioca di strategia

La prima tripletta dell’edizione 2019 della Dakar è targata MINI, con Peterhansel (Buggy MINI) che domina la settima tappa e vince con un vantaggio di 4’34” su Nani Roma (MINI 4x4). Ora il francese è secondo in classifica, dietro ad Al-Attiyah (staccato di quasi mezz’ora). Sul podio di giornata anche Carlos Sainz, (sempre su Buggy MINI) a oltre 9’ dal leader. Il qatariota sulla sua Toyota Hilux ha giocato di strategia e si è accontentato, senza prendere rischi, della quarta posizione a quasi 12’ dall’ormai diretto rivale. L’ultima MINI nella top 5 è quella di Despres, seguita a ruota dalla Toyota Hilux di De Villiers che, per i problemi riscontrati quando si trovava in testa alla classifica, non potrà fare altro che aiutare il Al-Attiyah in caso di necessità. Anche Przygonski (MINI) e Ten Brinke (Toyota) rientrano nella top 10, chi invece non c’è è Loeb, costretto a fermarsi per un guasto elettrico alla sua Peugeot terminando cosi la tappa a quasi mezz’ora da Peterhasel, perdendo la seconda posizione in classifica generale.

Brabec riconquista la leadership, ma è ancora tutto aperto

Dopo una sesta tappa in difficoltà per Sunderland (KTM), arriva una vittoria per l’inglese, che recupera terreno e risale in quarta posizione in classifica generale. Dietro di lui ci sono due Honda, quella di Cornejo a 1’51” e quella di Brabec a 6’30”, che torna leader della classifica, approfittando delle difficoltà di Quintanilla su Husqvarna (ora quinto nella generale). Quarto di giornata è van Beveren, la cui costanza lo ha portato a ritrovarsi secondo, dietro allo statunitense a 7’47” di distacco. A seguire Toby Price (KTM) mantiene la terza posizione, nonostante il suo ottavo posto di giornata (a 14’19). La decima posizione di Walkner (KTM) non deve fuorviare: anche lui, settimo in classifica, è in lotta per la vittoria, dati i soli 16’16” di distacco da Brabec. Maurizio Gerini è il migliore tra gli italiani con la Husqvarna di Solarys Racing, in diciottesima posizione.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche