Dakar 2020, Carlos Sainz da record: vincitore per la terza volta a 57 anni

Motori
Biagio Maglienti

Biagio Maglienti

Lo spagnolo chiude l'ultima tappa in terza posizione, accumulando un vantaggio sufficiente sul rivale Nasser Al-Attiyah per aggiudicarsi il terzo titolo della sua eccezionale carriera. A 57 anni diventa il più anziano a vincere la Dakar insieme al copilota Lucas Cruz

Il nuovo Re della Dakar, di questo nuovo corso dakariano in Arabia Saudita è Carlos Sainz, tre volte vincitore della maratona del deserto, oltre a due volte campione del mondo Rally. Il madrileno con il compagno d'avventura Lucas Cruz su Mini- Buggy ha firmato un successo importante, oltre che storico: il primo di una competizione che ha traslocato dall'America Latina all'Arabia Saudita. Un percorso, che è un po' il ritorno alle origini di questa gara (nata dall'idea di Thierry Sabine) ritorna a calcare le piste di quella che fu la tradizionale maratona del deserto africano, con tanti diversi deserti e una molteplice e innumerevole serie di insidie, a tal punto da divenire l'icona di queste competizioni.

Dalle moto ai quad: gli altri vincitori

Nelle moto la cavalcata finale è stata di Ricky Brabec, primo statunitense a centrare il successo in questa competizione e soprattutto il pilota che riporta Honda sul prima gradino del podio dal 1989. Toby Price è stato un valido opponente, sino purtroppo alla morte di Paulo Gonçalves, dalla quale il vincitore uscente non si è più ripreso. Pablo Quintanilla ha cercato in tutti i modi di spodestare il leader della generale, senza però scalfire il vantaggio che il californiano di Sanbernardino si era messo in tasca. Tra i camion successo del team Russo Kamaz con alla guida Karginov, autore di una prestazione sublime con quattro vittorie consecutive e addirittura sette in totale. Nei quad successo per un cileno, Ignaçio Casale; non ha praticamente avuto rivali e regala al Paese sudamericano un importante e prestigioso successo.

Alonso tra i protagonisti

Una Dakar sostanzialmente perfetta, ben organizzata sotto il profilo della sicurezza e anche della tranquillità politica; unico neo purtroppo la fatalità dell'incidente a Paulo Gonçalves, che segna in modo irreversibile questa prima edizione. Una nota a se stante è la prova di Fernando Alonso, che ha gratificato e soprattutto reso ancor più carismatica questa quarantaduesima edizione. L'austuriano della Toyota deve maturare sotto il profilo agonistico: guidare sulle piste del deserto è qualcosa di diverso rispetto alla Formula Uno. In realtà bisogna mettere in preventivo che un anno d'esperienza può essere necessario, ma soprattutto che in moto, macchina, quad o camion, in pista nel deserto, ci sono veri professionisti. Si rifarà l'anno prossimo di sicuro, il "mal d’Africa" ha contagiato pure lui.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.