Morto l'ex pilota britannico Johnny Dumfries, aveva 62 anni

lutto
Racing driver Johnny Bute, Marquess of Bute aka Johnny Crichton-Stuart and Johnny Dumfries driver of the #11 John Player Special Lotus-Renault 98T turbo outside Ketteringham Hall the home of Lotus cars on 10 January 1986 at Ketteringham Hall in Ketteringham, Great Britain. (Photo by Simon Miles/Getty Images)

Vincitore della 24 ore di Le Mans nel 1988 e compagno di Ayrton Senna alla Lotus, Dumfries (il suo vero nome era John Crichton-Stuart) era affetto da un male incurabile. E' morto all'età di 62 anni

Il pilota britannico Johnny Dumfries, vincitore della 24 Ore di Le Mans ed ex compagno di squadra di Ayrton Senna alla Lotus, è morto all'età di 62 anni: era affetto da un male incurabile. Lo ha annunciato la sua famiglia. Nato in Scozia, il suo vero nome era John Crichton-Stuart; Dumfries, in seguito, decise di correre sotto uno pseudonimo per nascondere il proprio profilo aristocratico. Molto dotato al volante, vinse il campionato britannico di F3 nel 1984, poi fece un provino per la Ferrari nel 1985. Infine si unì al team Lotus in F1 come compagno di squadra dell'allora giovane e promettente brasiliano Ayrton Senna. Lasciò la Lotus alla fine della stagione 1986, dopo essere arrivato al traguardo solo sei volte, ottenendo come miglior risultato un 5/o posto in Ungheria. Dumfries si è poi dedicato alle gare di resistenza e ha vinto la prestigiosa 24 Ore di Le Mans su una Jaguar, nel 1988, in squadra con Andy Wallace e l'olandese Jan Lammers. Il nome Dumfries, scelto come pseudonimo dal pilota, è quello di un piccolo paese nel sud-ovest della Scozia, nel cuore della contea di Dumfries e Galloway.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche