Moto3, GP Giappone: libere a Migno, nel gioco di nervi Dalla Porta batte Canet

MOTOGP

Paolo Lorenzi

Prima giornata di libere in una cappa di tensione. Lorenzo scivola due volte, ma recupera nel secondo turno. Arbolino e Antonelli fuori dai primi quattordici. Sesto tempo per Vietti

Il GP in diretta esclusiva domenica alle ore 8 su Sky Sport MotoGP e Sky Sport Uno (anche sul digitale terrestre al canale 472)

GP GIAPPONE, LA CRONACA DELLE QUALIFICHE

Luci e ombre sul duello. Lorenzo Dalla Porta parte in quarta, si mette dietro Canet nella prima uscita di venerdì, ma colleziona due cadute, una per turno. La tensione è palpabile. Canet spinge, sprona il box, è concentrato. E’ teso anche lui, ma a fine giornata si prende il dodicesimo posto. Alti e bassi, luci e ombre in un venerdì carico di attese, più del solito. In FP2 il toscano non può reagire, all’offensiva dello spagnolo, bloccato al box con la moto sotto i ferri dei meccanici. Servono concentrazione e nervi saldi, Lundberg team manager della squadra del fiorentino, prova a scuoterlo. Venerdì con un rischio pioggia (che poi non è arrivata) e restare nei primi 14 è fondamentale. Come il gioco di squadra. Lorenzo rientra in pista con Ramirez, mentre gli altri sono ai box per il cambio gomma.

Il suo compagno di team deve tirarlo, aprirgli la strada verso un buon cronometrico. Tattica che non porta a nulla. Alla fine sarà Dalla Porta a tirare lo spagnolo recuperando sul finale una situazione diventata critica: dal quattordicesimo posto, recupera tre posizioni e finisce undicesimo. Davanti a Canet, per un millesimo. Luci e ombre. Motegi gli piace, al netto degli errori; l’anno scorso salì sul secondo gradino del podio. Intanto Migno stacca il miglior crono di giornata. Poi Ramirez, McPhee, Kornfeil, Rodrigo e quindi Vietti, partito da lontano, col ventottesimo tempo in FP1.

Niccolò Antonelli, rientrato dalla convalescenza dopo l’incidente di Misano, chiude diciannovesimo. Tony Arbolino partito forte, con un promettente quarto tempo al mattino, al pomeriggio non riesce a migliorarsi e finisce in zona rischio, fuori dai primi 14, addirittura ventiduesimo. Tutta da rifare.

Classifica combinata delle libere nella Moto3

I più letti