Valentino Rossi: "In MotoGP con Petronas dal 2021? Sì al 99%". Le news

MotoGp

Al termine della giornata di test sul circuito di Jerez in previsione del primo weekend del Mondiale 2020, il pilota di Tavullia ha dato importanti aggiornamenti sul suo futuro: "Al 99% dal 2021 correrò con la Yamaha Petronas. Ho ancora voglia di continuare e stiamo parlando, anche se non è vero che ho già firmato"

MOTOGP, GP SPAGNA: LE QUALIFICHE GIRO DOPO GIRO

"Ho voglia di continuare a correre, quasi sicuramente sarò in Yamaha Petronas dal 2021". Parola di Valentino Rossi, che ha commentato il suo futuro in esclusiva ai microfoni di Sky Sport, confermando di fatto le indiscrezioni dei giorni scorsi che parlavano di firma imminente con la moto oggi di Fabio Quartararo e Franco Morbidelli. Firma nero su bianco che ancora non c'è, come ha sottolineato lo stesso nove volte campione del mondo, ma che è comunque vicina. 

leggi anche

Test Jerez, Vinales il più veloce

"Con i ragazzi del team Petronas stiamo parlando – ha proseguito il "Dottore" -. Non è vero che ho già firmato, anzi siamo ancora lontani dalla firma. Per ora stiamo parlando, ma posso dire che al 99 per cento sarò ancora in pista l’anno prossimo". Una storia infinita quella del pilota di Tavullia nel Motomondiale, iniziata nel 1996 con l'Aprilia 125 e destinata a continuare. Sempre in Yamaha, ma con il team clienti. "È veramente un sacco di tempo - commenta Rossi -. In questo periodo di lockdown ho avuto modo di ragionare. È stato strano, perché corro da quando ho 15 anni e non mi è mai successo di rimanere così tanto fermo. Ho capito che sto bene a casa (ride, ndr), ma ho anche capito che ho voglia di continuare a migliorarmi e di esserci". 

"Test? Bello tornare in pista, ma c'è da lavorare"

VEDI ANCHE

MotoGP, orari e programma del GP di Spagna

Nella giornata di test sul circuito di Jerez in vista della prima gara del Mondiale 2020, Valentino ha chiuso al quinto posto nella classifica combinata alle spalle del compagno di squadra Vinales, di Quartararo, Marquez e Rins. Bene al mattino, quando la M1 numero 46 ha chiuso con il terzo miglior tempo, meno al pomeriggio (solo 16°). "innanzitutto è stata una giornata importante – ammette Rossi -. È stato bello tornare sulla moto. La sessione mattutina è stata molto positiva, davvero un buon turno per me. Nella seconda sessione, invece, ho riscontrato qualche problema. In particolare non sono al meglio sul passo gara, c’è ancora qualcosa da mettere a posto sul setting della moto. E poi sarà importante capire quale gomma usare per fare un bel weekend". Accorgimenti per iniziare al meglio una stagione che, in ogni caso, al 99% non sarà l’ultima del 46 in MotoGP.

MOTOGP: SCELTI PER TE