MotoGP, GP Portogallo (Portimao), Yamaha cala il tris

MotoGp

di Michele Merlino

Dopo undici anni il marchio giapponese vince le prime tre gare di campionato: le due sul tracciato di Losail e l'ultima a Portimao. Marquez fenomeno: al rientro dopo i 9 mesi di stop è il miglior pilota della Honda

HIGHLIGHTS - CLASSIFICA - CALENDARIO

Vinales a Losail, Quartararo a Doha e in Portogallo: è tripletta per la Yamaha, per un inizio di stagione che non registravano dal 2010, quando i primi tre round furono appannaggio di Valentino Rossi (Qatar) e Jorge Lorenzo (Spagna e Francia).

Ora, per completare l'opera storica, la Yamaha dovrebbe provare a vincere anche la quarta gara, cosa che gli è riuscita solo nel 1975 (con Giacomo Agostini e Hideo Kanaya) e nel 1980, con Kenny Roberts e Jack Middelburg.

Quartararo, che ormai sale sul podio solo quando vince (i suoi ultimi 5 podi sono tutti vittorie), ha dato alla Yamaha la 239^ vittoria: è una lunga strada per raggiungere la Honda, leader a quota 309, esattamente 70 in più.

Comunque fenomeno

Il ritorno

Marquez: "Sono tornato a sentirmi un pilota"

6° in griglia e 7° in gara: prestazione opaca per Marc Marquez? Dipende dai punti di vista. Certo, stando ai risultati a cui ci aveva abituato, sono risultati sottotono: nei suoi precedenti 28 arrivi sotto la bandiera a scacchi, era sempre salito sul podio! In questo intervallo per lui 18 vittorie, 9 secondi posti e un terzo posto. L'ultimo arrivo senza podio risaliva al Mugello 2018, quando fu 16°, ma in quel caso perché cadde e poi riprese la moto dalla via di fuga per andare al traguardo.

Il tutto si ridimensiona se consideriamo che Marquez ritorna dopo 265 giorni e tre interventi chirurgici. Ma nonostante questo è il migliore. Il migliore della Honda almeno: i suddetti 6° posto in griglia e 7° in gara sono il miglior risultato Honda in Algarve quest'anno. In qualifica Marc ha rifilato 4 decimi (409 millesimi) alla seconda Honda in griglia, quella di suo fratello Alex, ed è stato l’unico pilota Honda ad approdare all top-10, mentre in gara, prima del rallentamento finale, al 19° giro aveva un vantaggio di 5 secondi sulla seconda Honda, sempre quella di Alex.

Per non parlare della prima sessione di libere, in cui si è classificato terzo a 251 millesimi dal miglior tempo di Vinales.

251 millesimi dopo 265 giorni senza moto… Sarà interessante vedere se Marc riuscirà a imporsi di nuovo come padrone assoluto in una MotoGP che, senza di lui, ha visto una varietà di vincitori impressionante. Nelle 15 gare senza Marquez ci sono stati 9 vincitori diversi, mentre nelle 129 gare corse in precedenza, quelle cioè dall'esordio di Marc in top-class (2013) ce n'erano stati 11…ed uno di essi era ovviamente Marc.

Il dato storico

Best of

GP Portogallo, le cinque parole chiave della gara

Sei costruttori diversi nei primi sette al traguardo: Yamaha (Quartararo e Morbidelli), Ducati (Bagnaia), Mir (Suzuki), KTM (Binder), Aprilia (Aleix Espargarò), Honda (Marc Marquez). Da quanto non succedeva? Da quasi 50 anni: l'ultima volta risale al GP di Yugoslavia del 1972: MV Agusta (Alberto Pagani), Yamaha (Chas Mortimer), Konig (Paul Eickelberg), Suzuki (Guido Mandracci), Husqvarna (Bo Granath), Kawasaki (Charlie Dobson e Giampiero Zubani).

Davvero altri tempi: la Yugoslavia non esiste più e delle marche della lista del 1972, le uniche presenti nell’elenco 2021 sono la Suzuki e la Yamaha. Tuttavia i due colossi giapponesi all'epoca erano degli outsider: la Suzuki aveva vinto solo il GP dell'Ulster 1971 con Jack Findlay (ne seguiranno altri 94 in top-class) e la Yamaha doveva ancora ottenere il primo dei suoi 239 successi che vanta oggi!

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport