Valentino Rossi: "Sono tranquillo, ma anche un po' triste per l’ultima gara in MotoGP"

MotoGp

Quello dell'Algarve - chiuso al 13° posto - è stato il penultimo Gran Premio di Valentino Rossi prima del ritiro. Il pilota Petronas ha parlato delle sue sensazioni in vista dell'appuntamento finale di Valencia: "Da una parte sono un po' triste - ha spiegato - ma dall'altra è stata una stagione lunga e dura"

PORTIMAO, GLI HIGHLIGHTS DELLA GARA

Ci siamo. Per Valentino Rossi si avvicina l’ultima gara di una lunghissima e meravigliosa carriera. Il prossimo 14 novembre a Valencia il Dottore correrà il suo ultimo Gran Premio, al termine di una stagione non facile per lui. Come ha spiegato alla fine del weekend a Portimao. “Questa è stata la mia penultima gara – ha detto - ma per me i risultati sono la cosa più importante e questa stagione è stata dura. Speravo di andare più forte, ma sono tranquillo. Da una parte mi sento un po’ triste, ma dall’altra sento che è stata una stagione lunga e faticosa. L’ultima gara è a Valencia, e anche se è una pista difficile per me proverò a fare punti anche lì. Bisognerà vedere come mi sentirò la settimana dopo, ma penso che sarà tutto normale”. Valentino ha poi parlato delle piste che gli mancheranno di più dopo il ritiro: “Il Mugello, Barcellona – dove mi sono sempre divertito – Assen, che resta l’università della moto. E poi Phillip Island: una pista tosta e veloce, e poi si vede il mare…”

"A Portimao gara abbastanza positiva"

Vale ha poi analizzato la sua gara in Portogallo. "E’ stata abbastanza positiva - ha detto - anche se è stata difficile perché tutti sono andati fortissimo. Ma anche io sono andato piuttosto bene tenendo un buon passo fino alla fine. Abbiam fatto una bella bagarre all’inizio con Morbidelli, Dovizioso e altri. Poi è arrivato Luca (Marini) che andava un po’ più forte e quando mi ha sorpassato sono riuscito a fare due-tre giri buoni, e sono riuscito ad andare via con lui. Sono rimasto con lui fino alla fine e sono contento perché giravamo forte anche negli ultimi giri. Ero molto vicino e avrei potuto provare ad attaccarlo, ma poi c’è stata la bandiera rossa. Ma va bene così perché con il nostro potenziale prendere qualche punto era già un buon obiettivo.

"L'anno prossimo Bagnaia può vincere"

ducati

Bagnaia: "Ora consapevole di essere davvero forte"

"Pecco ha fatto un finale di stagione fantastico. Nelle ultime gare è stato quello che è andato più forte e in questo weekend è stato dominante in tutti i turni. Ha fatto la quinta pole di fila e in gara ha avuto un altro passo, ha massacrato tutti. Quindi è pronto per l’anno prossimo… Grandi complimenti a lui, e se nella prossima stagione resta concentrato può vincere”.

"Binder-Foggia? Una brutta cosa, non dovrebbe succedere"

moto3

Binder prova a chiedere scusa a Foggia: cacciato

Valentino ha poi parlato di Darryn Binder, che prenderà il suo posto l'anno prossimo nel box Yamaha. L'australiano è stato protagonista di un brutto episodio nella gara di Moto3, travolgendo Dennis Foggia e negandogli così la possibilità di lottare fino alla fine per il Mondiale. "Secondo me una cosa è il potenziale che può avere Binder - ha spiegato Rossi - che magari arriva in MotoGP senza neanche essere stato un protagonista della Moto3. Però questa è una valutazione che deve fare il team. Il problema è che quello che è successo oggi è brutto, perché per uno che si gioca il Mondiale come Foggia, che ha fatto così tanta fatica durante l’anno, essere buttato giù così non è bello. E ci sono un po’ di piloti, tra cui Binder, che sono sempre in mezzo a queste cose, ed è sbagliato. Bisognerebbe gestire meglio la situazione e cercare di far sì che queste cose non succedano, o almeno non sempre con gli stessi piloti!. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche