Superbike, Test Jerez. Melandri: "Ci serve tempo per migliorare"

Motori
melandri_sbk_grt

Il team GRT Yamaha Supported WorldSBK, al debutto nella top class delle derivate di serie, nella due giorni di Jerez ha continuato a famigliarizzare con le YZF-R1. Sandro Cortese, campione uscente SuperSport600 e Marco Melandri, di nuovo con la casa di Iwata dopo il debutto del 2011, hanno chiuso i test in 6^ e 8^ posizione. Ecco le loro impressioni

CALENDARIO 2019

RESOCONTO TEST JEREZ PARTE 1 - PARTE 2

Seconda sessione di test con la R1 per il team Yamaha GRT, Sandro Cortese e Marco Melandri, dopo la presa di contatto sempre a Jerez in Novembre. Due giorni di lavoro spesi dai piloti per conoscere la moto e cercare di definire un set-up funzionale ai rispettivi stili di guida.
Melandri ha ben chiare le aree di intervento sulle quali focalizzarsi a partire da questo fine settimana a Portimao. Il lavoro da svolgere resta molto e la confidenza col la R1 non è ancora quella desiderata. Cortese sembra essere più soddisfatto dell’italiano avendo trovato il giusto set up per spingere sul finire del turno di ieri, piazzando un ottimo 1’40.075 che gli è valso il sesto crono di giornata (a 0.915 da Rea)

È stato un test molto positivo per noi – dice il due volte campione del mondo (SS600 nel 2018 e Moto3 nel 2012) -. Mercoledì non siamo praticamente riusciti a testare niente, avendo speso tempo per trovare del grip (asfalto nuovo e sporco). Il secondo giorno avevamo pianificato molto lavoro ma sfortunatamente sono caduto e abbiamo quindi perso tempo, ma alla fine della sessione abbiamo fatto dei grossi cambiamenti di set-up perché mi sentivo troppo al limite con la moto. Nel corso dell’ultima ora siamo migliorati molto, la R1 era più facile e il tempo è venuto. Adesso dobbiamo vedere cosa succederà a Portimao che è una pista molto diversa, ma sappiamo che se una moto funziona bene a Jerez, lo farà anche sulle altre piste".

Marco Melandri ha chiuso i test con l’8° tempo, in 1’40.469 a quasi 4 decimi dal compagno e a 1’3” dal leader Rea con la Kawasaki. “Abbiamo capito molte cose e il mio passo gara non è così male – spiega il pilota di Ravenna -. Al momento il mio problema è che ogni volta che monto una gomma posteriore nuova non riesco ad essere veloce. Alla fine della giornata comunque abbiamo capito qualcosa. Ci serve tempo, non è facile ma dobbiamo venirne fuori, migliorando passo dopo passo, assecondando le mie sensazioni per poi spingere forte quando sarò pronto”.

(foto: Twitter)

Tempi e giri percorsi dopo le giornate di test a Jerez

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.