Caricamento in corso...
26 febbraio 2017

Toro Rosso, cuore Renault e aerodinamica: la STR12

print-icon
TOR

Daniil Kvyat e Carlos Sainz con la STR12 (Foto Getty)

Renault torna a fornire il propulsore (nel 2016 era Ferrari), come per la sorella maggiore Red Bull. Macchina eccezionale dal punto di vista aerodinamico, con il disegno firmato da uno dei più grandi talenti tra i progettisti, James Key. I piloti sono i confermati Carlos Sainz Jr. e Daniil Kvyat

La Toro Rosso sta per svelare la STR12, la monoposto per la nuova stagione 2017. Tante ambizioni per il team italiano di Faenza, protagonista di un buon 2016, soprattutto nella prima parte. Toro Rosso torna ad avere la stessa power unit della sorella maggiore Red Bull, quella Renault. Dopo un anno passato con motore Ferrari, ma versione dell'anno precedente, è questa la novità più importante su una macchina già eccezionale dal punto di vista aerodinamico, con il disegno firmato da uno dei più grandi talenti tra i progettisti, James Key

I piloti - Sono i confermati Carlos Sainz Jr. e Dani Kvyat. A caccia di un posto al sole lo spagnolo, blindato da Toro Rosso quando sembrava fatta per un passaggio in Renault; stagione di rilancio invece per il russo, protagonista lo scorso anno del clamoroso passaggio, suo malgrado, da Red Bull a Toro, per lasciare il sedile a Verstappen.

Filming day da horror - Il primo atto per la Toro Rosso non è però stato un granché. La STR12 ha esordito sul tracciato di Misano e non è riuscita a completare i 100 Km previsti dalla sessione di filming day. Il tutto a causa di un problema tecnico proprio alla power unit Renault. Dopo appena 6 giri, infatti, c'è stata la rottura di un motore elettrico. Problematica che non può passare inosservata, poiché il nuovo power train presenta diverse novità dal punto di vista tecnico: dalle nuove batterie al MGU-K del tutto modificato.

Tutti i VIDEO di Formula 1

Tutti i siti Sky