Serie A, 16^ giornata: presentazione, numeri, curiosità e statistiche

Serie A
©IPA/Fotogramma
dzeko 6

Dopo il turno infrasettimanale, ricco week-end di Serie A. si parte con i tre anticipi del sabato, con i big match Roma-Inter e Napoli-Atalanta. Tutto il programma completo con statistiche e curiosità delle singole partite

EMPOLI-UDINESE LIVE - CAGLIARI-TORINO LIVE

Milan-Salernitana, sabato 4 dicembre, ore 15.00

Da quasi 23 anni queste squadre non si affrontano in Serie A: l'ultima il 31 gennaio del 1999, con vittoria per 3-2 per i rossoneri con doppietta di Bierhoff e gol di Weah. Nei quattro precedenti non è arrivato alcun pareggio: 3 successi per il Milan e uno per la Salernitana (3-2 nel 1948). Nelle ultime 20 partite giocate contro squadre neopromosse, i rossoneri hanno perso una sola volta tenendo la porta inviolata in ben 12 occasioni. La Salernitana, invece, è la 18^ squadra ad aver perso almeno 11 partite nelle prime 15 giornate nella storia della Serie A: delle precedenti 17 solo una si è salvata, il Crotone nel 2017.

Roma-Inter, sabato 4 dicembre, ore 18.00

leggi anche

Mou perde anche El Shaarawy, De Vrij in dubbio

Ben 176 i precedenti, con i nerazzurri in netto vantaggio: 73 vittorie, 54 pareggi e 49 sconfitte. Questa sfida è quella che ha prodotto più reti nella storia della Serie A: ben 511, almeno 38 in più rispetto a qualsiasi altra. L'Inter non perde da otto confronti diretti in Serie A, ma i giallorossi hanno perso una sola sfida all'Olimpico nelle ultime 12. La Roma, tra l'altro, è la squadra che ha tenuto più volte la porta inviolata in campionato nel 2021 (10), ma i nerazzurri inseguono la loro miglior striscia di sempre di gare con gol in trasferta (17 fin qui, il record è di 18 stabilito nel 1951). Sarà la sfida da grande ex di José Mourinho, allenatore che ha perso solo una delle 45 gare casalinghe da allenatore in Serie A: le prime 38 le aveva affrontate proprio sulla panchina dell'Inter.

Napoli-Atalanta, sabato 4 dicembre, ore 20.45

leggi anche

Distrazione di 2° grado per Koulibaly: out un mese

Cifra tonda per i precedenti, ne sono esattamente 100 con 44 vittorie azzurre, 28 pareggi e 28 successi nerazzurri. L'Atalanta, però, ha vinto tre delle ultime cinque sfide di Serie A contro il Napoli, tante quante ne aveva vinte nelle precedenti 12. Inoltre gli azzurri hanno sempre subito gol nelle ultime sette gare giocate in casa contro i nerazzurri, contro cui non perdono nel girone d'andata dal 2016 (1-0 a Bergamo con gol di Petagna). L'Atalanta ha mantenuto la porta imbattuta nelle ultime due giornate, l'ultima striscia più lunga risale al 2020, proprio in occasione di una gara vinta contro il Napoli di Gattuso per 2-0. La squadra di Gasperini, inoltre, ha vinto otto delle ultime nove trasferte in Serie A, quattro delle quali consecutivamente, e non arriva a cinque dal luglio 2020.  

Bologna-Fiorentina, domenica 5 dicembre, ore 12.30

approfondimento

Gol+assist in A: in testa c'è Vlahovic

I viola sono in vantaggio nei 138 precedenti, con 54 vittorie, 46 pareggi e 38 sconfitte. Bilancio che negli ultimi anni è ulteriormente migliorato, visto che il Bologna non vince dal 2013: da allora otto sconfitte e appena sei pareggi per i rossoblù. La Fiorentina è quindi imbattuta da 14 confronti diretti, solo con la Triestina (19) i viola hanno una striscia più lunga. Gli ultimi tre confronti diretti al Dall'Ara, però, sono finiti in parità, si è arrivati a quattro solo tra il 1969 e il 1972. La squadra di Italiano, negli ultimi due mesi, è praticamente sempre stata costretta a rimediare in casa alle sconfitte subite lontano dal Franchi: sono quattro i ko consecutivi in trasferta, non si arriva a cinque dal 2008.  

Spezia-Sassuolo, domenica 5 dicembre, ore 15.00

leggi anche

Serie A, il calendario del prossimo turno

Le uniche due sfide giocate in Serie A tra queste due squadre risalgono allo scorso anno, con una vittoria a testa. In totale, sono sei i confronti diretti (considerando anche Serie B e Coppa Italia): dopo aver vinto consecutivamente i primi cinque, il Sassuolo ha perso il più recente (1-2 nella gara di ritorno della scorsa stagione). Lo Spezia ha vinto due delle ultime quattro gare giocate in casa, tanti successi quanti nelle precedenti otto. Il Sassuolo ha vinto a Torino con la Juve e a San Siro con il Milan e nell'ultima giornata ha fermato il Napoli, ma ha ottenuto solo una vittoria in sette gare giocate contro avversari che partivano sotto in classifica (1-0 contro la Salernitana, poi 3 pareggi e 3 sconfitte).  

Venezia-Verona, domenica 5 dicembre, ore 15.00

vedi anche

Un palo ferma il Verona, è 0-0 con il Cagliari

Quattro precedenti, con il Verona imbattuto: tre vittorie e un pareggio per i gialloblù. Queste due squadre, però, non si affrontano dal 2002 e sarà il primo derby veneto in Serie A dopo la retrocessione del Chievo. L'Hellas viene da uno 0-0 contro il Cagliari e non riesce a mantenere la porta inviolata per due partite di fila da settembre 2020. Il Verona non ha ancora vinto in trasferta in questa Serie A (4 pareggi e 3 sconfitte) ma è la squadra più prolifica nei primi 15 minuti in questo campionato: 9 reti segnati in quest'arco di partita, più di quelle messe a segno dal Venezia in tutti i secondi tempi (7).

Sampdoria-Lazio, domenica 5 dicembre, ore 18.00

vedi anche

Lazio beffata al 99' da Arslan: 4-4 con l'Udinese

Sono 110 i precedenti tra queste due squadre in Serie A, con 82 vittorie biancocelesti, 31 pareggi e 27 per i blucerchiati. Bilancio che si è ulteriormente aggravato negli ultimi anni per la Sampdoria, che ha ottenuto appena due vittorie nelle ultime 19 gare giocate contro la Lazio. L'ultima risale alla sfida d'andata dello scorso campionato, quando vinse per 3-0: i blucerchiati potrebbero così vincere due gare interne consecutive contro quest'avversario per la prima volta dal 2010 e mantenere la porta inviolata per la prima volta dal 2007. La Lazio non vince da sei trasferte in Serie A (2 pareggi e 4 sconfitte) e non registrano una striscia negativa più lunga dal 2014 (11) con Reja in panchina.

Juventus-Genoa, domenica 5 dicembre, ore 20.45

approfondimento

Dybala al meglio con il 4-2-3-1: così col Genoa?

Nettamente avanti i bianconeri nei 108 precedenti, con 66 vittorie, 21 pareggi e 21 sconfitte, solo due delle quali arrivate nelle 54 partite giocate a Torino (l'ultima nel 1991, 0-1 con gol di Skuhravy). La Juventus, inoltre, ha vinto le ultime tre sfide giocate contro il Genoa con il risultato di 3-1, solo due volte in Serie A i bianconeri hanno registrato quattro volte di fila lo stesso punteggio (0-0 con l'Atalanta negli anni '60 e 1-1 con la Roma negli anni '50). Dal 1992, i rossoblù hanno vinto appena quattro gare in 35 confronti diretti (per il resto 8 pareggi e 23 sconfitte), stesso numero di vittorie che la Juve ha ottenuto nelle ultime due stagioni.

Empoli-Udinese, lunedì 6 dicembre, ore 18.30

vedi anche

Rimonta Empoli, da 0-2 a 2-2 col Toro

Sono 24 i precedenti tra queste due squadre in Serie A, con 10 vittorie per i bianconeri, 8 pareggi e 6 successi azzurri. Solo una delle ultime nove sfide, però, è terminata in parità (1-1 nel febbraio 2016): completano il parziale tre vittorie dell'Empoli e cinque dell'Udinese. Le ultime due gare giocate in Toscana sono state vinte dagli azzurri, che in questo parziale hanno ottenuto tante vittorie quante nelle precedenti 10 gare giocate. L'Udinese, invece, ha vinto le ultime quattro gare contro squadre neopromosse e questa è la striscia più lunga nella competizione dal 2013.

Cagliari-Torino, lunedì 6 dicembre, ore 20.45

approfondimento

Falli fischiati in Serie A, ecco perché Mou...

I granata sono in vantaggio nei precedenti con 25 vittorie (contro 22 pareggi e 21 sconfitte), ma hanno vinto appena una gara nelle ultime sei in Serie A contro il Cagliari. Questa vittoria è arrivata nell'ultima gara: 1-0 a febbraio grazie a un colpo di testa di Bremer. Dal 2014 i rossoblù hanno ottenuto solo due successi contro il Torino, completano il parziale 4 pareggi e 7 sconfitte. La squadra di Mazzarri arriva da tre pareggi consecutivi: il Cagliari non registra una serie più lunga di 'X' dal 2018, con Rolando Maran in panchina. Il Torino, invece, non segna in trasferta da quattro partite e non arrivano a cinque dal 1986/1987.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche