MotoGP, GP Australia, Marquez: "Qualifiche rinviate? Si poteva correre"

MotoGp

La Direzione gara ha spostato le qualifiche del GP d'Australia a domenica a causa del forte vento. Una decisione che si scontra col parere di alcuni piloti. Marquez: "Si poteva correre". D'accordo anche Zarco ("Sarei andato avanti") e Pol Espargarò.

La gara di Moto3 in diretta esclusiva domenica alle 2, Moto2 alle 3.20, MotoGP alle 5 su Sky Sport MotoGP e Sky Sport Uno

Marc Marquez è tra i piloti convinti che si potesse continuare a correre nel sabato di Phillip Island. Così il pilota spagnolo si è espresso sulla decisione della Direzione gara di spostare le qualifiche a domenica: "Dal mio punto di vista in Safety Commission vanno discussi due punti: se è possibile correre e il livello di rischio. Era possibile girare in pista. lo abbiamo fatto fino alla caduta di Oliveira ed eravamo solo un secondo più lenti del normale, quindi correre non era una cosa così anomala. Però resta il fatto che il rischio era molto elevato più per la velocità che per il vento e per la combinazione di vento e velocità su questo circuito. In Commissione ho espresso la mia opinione: si poteva correre così come avevamo fatto fino a quel momento, anche se il rischio era molto elevato".

Zarco: "Avrei continuato"

"La maggior parte dei piloti non voleva correre. L'asfalto era in buone condizioni, non come Silverstone. Forse, se Oliveira non fosse caduto, saremmo ripartiti. Di sicuro non puoi guidare in modo normale, in queste condizioni, ma almeno ci provi. Io avrei continuato".

Pol Espargaró: "Le condizioni delle FP3 erano peggiori"

"Le condizioni erano pessime, questo è sicuro. C’era un vento incredibile, ma non più come le FP3, quando io ho girato per 15 giri e nessuno mi ha fermato. Tutti abbiamo girato, e nessuno ci ha detto niente. Abbiamo fatto le prove, e c’era più vento che nelle FP4. Abbiamo tante macchine che misurano il vento, e ce n’era di più. Poi nelle FP4 siamo entrati tutti, e quando è caduto Oliveira tutti si sono spaventati, ma tutti stavano girando in pista. Voglio dire: quando tu vedi che qualcosa è pericoloso, stai nel box, non giri. Quando le condizioni sono miste, per esempio, si rimane ai box. Invece i piloti stavano girando in pista. Possiamo dire che le condizioni erano pericolose, abbiamo girato qua con più vento, e tutta la gente stava girando in pista. Voglio dire: se fosse stato molto pericoloso, la gente sarebbe rimasta ai box, non avrebbe girato in pista, invece in quel momento tutti avevano fatto 10 giri".

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.