MotoGP, GP Qatar cancellato e GP Thailandia rinviato: 8 domande e 8 risposte

MotoGp
Guido Meda

Guido Meda

Dopo l'annullamento del GP del Qatar per la MotoGP e il rinvio a data da destinarsi di quello della Thailandia per tutte le classi a causa delle conseguenze dell'emergenza coronavirus sono tante le domande che gli appassionati si fanno. Guido Meda prova a rispondere a 7 di queste

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Premesso che nessuno più di noi aveva voglia di vedere e di farvi vedere la Motogp in Qatar, ecco qualche domanda comune con relativa risposta dopo la cancellazione della Motogp in Qatar.

 

Perché la MotoGP non corre? Hanno forse paura?

Non è la Motogp che ha paura ad andare in Qatar, ma è il Qatar che in questo momento ha paura della Motogp; perché la Motogp, per la stragrande maggioranza di chi ci lavora, è italiana e, negli ultimi giorni, l’Italia con i suoi contagiati è diventata un paese a rischio, non gradito e bannato dal Qatar, che ha la facoltà di autodeterminarsi e da ieri ha cominciato a respingere gli italiani in aeroporto.

 

Perché Moto3 e Moto2 invece corrono?

Perché piloti e tecnici erano già entrati nel paese da qualche giorno, per i test, prima che scoppiasse l’emergenza con il programma di rimanere fino al Gp. Ora che sono lì pronti e hanno speso dei soldi per esserci, non farli correre sarebbe più un dispetto che un favore.

 

Gli italiani non potevano sottoporsi al tampone prima di partire?

No. Uno stato terzo legittimamente non si fida di un tampone fatto al paese di origine. Vuole dati ricavati in proprio e in questo caso non c’erano né i mezzi né il tempo sufficiente per farlo. Ma può essere in effetti una lezione per le prossime gare.

 

Perché la Motogp non è rimasta in Qatar dopo gli ultimi test? 

Perché anche piloti e tecnici hanno vite e famiglie fuori dalle corse e hanno scelto di tornare. Nessuno immaginava un’escalation tanto rapida dei provvedimenti del Qatar. Era prevista una sorta di corridoio sanitario con precedenza agli operatori del Motomondiale che lunedì sera è stato chiuso dalle autorità locali senza preavviso.

 

Qualcuno della Motogp è rimasto in Qatar dopo i test?

Sì, l’intera Suzuki e qualche altro giapponese; abitando troppo lontano per potersi permettere andata e ritorno, ma intuendo anche che in Qatar potesse esserci un problema in dogana nei confronti dei potenziali contagi giapponesi, hanno scelto di rimanere lì aspettando il Gran Premio. Ma sono rimasti casi isolati.

 

Salteranno altre gare del calendario?

Al momento è stata rinviata la gara della Thailandia a data da destinarsi.

 

Bisogna arrabbiarsi o avere paura?

No, non c’è nulla di più inutile. Si tratta solo di pensare un po’ a quelli più deboli. E’ giusto che lo sport lo faccia, accettando con buonsenso il fatto che la vita qualche volta richiede un passo indietro.

 

Sky trasmetterà regolarmente le gare?

Sì, assolutamente. Come sempre

MOTOGP: SCELTI PER TE