Superbike 2019, ecco la entry list del Mondiale

Motori

Pubblicata la lista provvisoria dei 18 piloti che scenderanno in pista nel mondiale WorldSBK 2019 a partire dal round australiano a Phillip Island il 23-24 febbraio

CALENDARIO 2019

NUOVO FORMAT DEL WEEKEND

Kawasaki

Jonathan Rea si appresta a difendere il titolo mondiale, suo da quattro anni consecutivamente, un record che potrà diventare addirittura leggendario qualora si confermasse anche nel 2019 (mai nessuno ha vinto 5 mondiali SBK in carriera). Il Kawasaki Racing Team WorldSBK (gestito in posta dalla crew spagnola Provec) affiancherà al fenomeno nord irlandese, Leon Haslam che ritorna, da campione BSB, nel campionato più prestigioso per le derivate di serie. Entrambi saranno in sella alle “ufficialissime” ZR10-RR nella versione 2019, quindi ulteriormente sviluppate (tanto da essere state ri-omologate).
Qui tutto sulla Kawasaki.

Ducati

Borgo Panigale risponde ad Akashi con la coppia Chaz Davies, confermatissimo, e la new entry Alvaro Bautista che, dopo aver trascorso gli ultimi nove anni della sua carriera in MotoGP (correndo per 4 case diverse), porterà la sua esperienza (e velocità) in Ducati. Grande novità l’arma totale bolognese, la Panigale V4R, nuovissima 4 cilindri che ha definitivamente pensionato per le corse il glorioso bicilindrico.
Qui tutto sulla Ducati.

Yamaha

Alex Lowes e Michael van der Mark continueranno a difendere i colori della Yamaha nell’Official WorldSBK team. Nel 2019 le R1 in pista saranno ben quattro, essendo a disposizione anche del team GRT che le affiderà al campione del mondo in carica del WorldSSP Sandro Cortese a al nostro Marco Melandri.
Qui tutto sulla Yamaha.

BMW

La nuova partnership tra Shaun Muir Racing (ex team Aprilia) e BMW Motorrad WorldSBK rappresenta il rinnovato impegno della casa di Monaco di Baviera che, con la nuova “big bike” la S1000RR, punta in alto. In sella ci saranno il campione 2018 del STK1000 Markus Reiterberger e Tom Sykes che, dopo 9 anni (e un titolo mondiale vinto) lascia la Kawasaki.
Qui tutto sulla BMW.

Honda

Atteso rilancio anche per Honda, che azzerata la storica partnership con gli olandesi di Ten Kate, si affida all’accoppiata Moriwaki (engineering di fiducia del costruttore di Tokio) e Althea (la crew vincitrice del mondiale 2011 con Checa e la Ducati). Le CBR1000 RR saranno affidate a Ryuichi Kiyonari (anche lui al rientro nel mondiale SBK) e al confermato Leon Camier. Una terza Honda, curata da Althea MIE Racing, sarà portata in pista dal nostro Alessandro Del Bianco (21 anni).
Qui tutto sulla Honda.

Independent team

Ritornando alla Ducati, altre due Panigale V4 saranno nelle mani di Michael Ruben Rinaldi che prenderà parte a tutto il mondiale con il Barni Racing Team (in sostituzione di Fores) e a Eugene Laverty che difenderà i colori dell’italianissimo Team GoEleven. Completano lo schieramento dei 18 piloti, il velocissimo Toprak Razgatlioglu con la Kawasaki di Puccetti, Jordi Torres (Team Pedercini Racing) e l’argentino Leandro Mercado, tutti in pista con la ZX10RR.

25 Piloti per la Supersport 600

Venticinque i piloti al via nel mondiale Supersport600, tra i quali ci sarà anche Maria Herrera che fa il salto di categoria dal SSP300, dove resta Ana Carrasco, campionessa del mondo in carica, che correrà con la Kawasaki del team Provec. Sei gli italiani: Raffaele De Rosa e Federico Fuligni con la MV Agusta F3 675 del Reparto Corse della casa di Schiranna, Federico Caricasulo (Yamaha YZF R6), Alfonso Coppola e Gabriele Ruiu (Honda CBR600RR) e Ayrton Badovini su Kawasaki ZX-6R.

I più letti