Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
08 ottobre 2008

Ranieri, faccia a faccia con la squadra. E spunta Benitez...

print-icon
ran

Tre quarti d'ora in spogliatoio a tu per tu con i giocatori: la Juve è ripartita così dopo la sconfitta di Palermo che ha definitivamente aperto la crisi bianconera. Intanto giungono voci di un interessamento del club per l'allenatore del Liverpool

Tre quarti d'ora di faccia a faccia, nel chiuso degli spogliatoi. La Juve è ripartita così, dopo la sconfitta col Palermo che ha certificato lo stato di crisi. Da una parte Ranieri, Blanc e Secco, dall'altra i giocatori. O meglio, i pochi 'superstiti' visto che la rosa è stata abbondantemente sfoltita da infortuni e convocazioni in Nazionale. Ma a Vinovo c'erano comunque due dei 'vecchi' che nello spogliatoio contano moltissimo, Del Piero e Nedved. Poi Amauri, Marchionni, Tiago, Molinaro, Salihamidzic, Chimenti, Zebina e Iaquinta. Alle 10.30 tutti in campo, accolti dai 'cinque' e dalle pacche sulle spalle del ds Secco, che a questo punto potrebbe essere l'uomo designato a fare da collettore tra squadra e società. La seduta è iniziata all'insegna della massima concentrazione. Ma alcune voci provenienti dall'estero potrebbero scuotere ancora l'ambiente.

Seconco alcuni quotidiani inglesi, infatti, la Juventus avrebbe messo gli occhi sul tecnico Rafa Benitez nell'eventualità che il rapporto con Claudio Ranieri possa giungere a conclusione nell'anno venturo. Secondo quanto si legge dalle pagine del "The Sun", la società bianconera sarebbe pronta ad approfittare della situazione di stallo che si è creata in casa Liverpool tra l'allenatore spagnolo e la dirigenza dei "Reds", non avendo quest'ultima ancora definito il prolungamento del contratto auspicato da Benitez nonostante se ne parli ormai da oltre 7 mesi. Lo stesso tecnico, già in passato, aveva fatto presente il suo desiderio di rivedere i termini che lo legano al Liverpool: "Ho sempre detto di voler restare per molto e sono ancora della stessa idea - si era sbilanciato Benitez - preferirei però un contratto a lungo termine per poter così programmare a lungo termine".