Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
29 ottobre 2009

Zenga: "A un certo punto credevamo nell'impresa"

print-icon
pal

Il Palermo festeggia il gol del 4-1

Il tecnico rosanero è soddisfatto nonostante la sconfitta contro l'Inter: "Perdere contro una squadra così forte può capitare. Sono contento della reazione dei ragazzi, abbiamo creduto al miracolo". GUARDA LA GALLERY E GLI HIGHLIGHTS GRATIS SU SKY.it

GUARDA GRATIS TUTTI GLI HIGHLIGHTS

"Purtroppo al 40' del primo tempo avevo appena scritto stiamo in partita ma in quei 5 minuti abbiamo preso quei tre gol che non sono da noi, siamo andati davvero in bambola, ma puo' succedere quando hai contro una squadra come l'Inter che ha dei giocatori che non perdonano", dice Walter Zenga analizzando il primo tempo del suo Palermo, andato al riposo sotto per 4-0 contro i campioni d'Italia dell'Inter. "Noi siamo stati bravi a rientrare in partita, giocando come se fossero sullo 0-0, con grande voglia e in un certo momento ci hanno anche creduto - dice Zenga, che poi sottolinea come quello che e' accaduto nel secondo tempo "non e' stato demerito dell'Inter ma merito del Palermo, per come si e' proposta la squadra, che attacca, che gioca a calcio come deve essere in Serie A. Noi, infatti, ce l'andiamo a giocare su tutti i fronti. Questa sera l'Inter poteva fare una goleada, ma dopo la reazione del secondo tempo c'e stata una grande considerazione nei nostri confronti".

Zenga, poi, ha risposto all'ennesima domanda sulla possibilita' un giorno di finire sulla panchina della sua Inter, soprattutto dopo i complimenti ricevuti dal presidente Moratti. "Io con il presidente ho bellissimo rapporto anche se non e' stato il mio presidente da giocatore. Jose' (Mourinho) e' un grandissimo allenatore ed ha un contratto pluriennale e sono certo fara' altri grandi risultati con l'Inter. Anche io ho un contratto pluriennale con il Palermo e voglio portarlo in alto. Quando avremo esaurito il corso nelle nostre rispettive squadre, vedremo se sara' possibile realizzare questo sogno", dice l'ex portiere nerazzurro che tornando sul match di questa sera, ribadisce: "Ad un certo punto eravamo li' e con un po' piu' di attenzione forse potevamo toglierci lo sfizio di rimontare una grande partita. Ci dispiace per i cinque gol, ma il Palermo e' una squadra che e' sempre stata in partita".

COMMENTA NEI FORUM DELLA SERIE A