Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
06 dicembre 2009

Prandelli: "Stiamo bene, abbiamo reagito alla grande"

print-icon
15a

Manfredini e Jovetic durante Fiorentina-Atalanta

Il tecnico viola commenta la vittoria per 2-0 sull'Atalanta: "Dopo la sconfitta contro l'Inter volevamo i tre punti. Temevamo gli avversari perchè sanno giocare a calcio, ma siamo stati molto volenterosi e ordinati in mezzo al campo"

GUARDA GLI HIGHLIGHTS DELLA SERIE A

Soddisfatto Cesare Prandelli a fine partita: "Temevamo questa partita, l'Atalanta sa giocare a calcio, ha temperamento. Oggi sono molto soddisfatto, siamo sempre stati attenti e ordinati dando a loro poca possibilità di costruire manovre. Ho visto una Fiorentina che sta bene fisicamente e che ha voglia di essere ordinata in campo. Alla fine siamo stati premiati. Vargas? Dall'inizio della stagione sta facendo molto bene, trova anche spazi in mezzo al campo, va al tiro, per noi è importante. Jovetic? Ha avuto un problema alla caviglia, speriamo non sia niente di grave. La condizione non era ottimale, ma trova sempre la posizione giusta. Spesso mi fermano per strada e mi dicono che non va bene, perchè va troppo bene, l'importante a parte gli scherzi è avere idee. Per fare i dribbling devi avere giocatori che ci riescono, Jovetic e Vargas li possono fare. Preferiamo la profondità rispetto a dribblare in mezzo al campo, non abbiamo giocatori che dribblano in mezzo al campo. Io ho detto che Vargas ha grandissime qualità, può giocare anche dietro lo continuo a dire. Oggi gioca avanti, come giocava con Zenga, sarebbe assurdo oggi cambiar ruolo. Il quarto posto? Favoriti non siamo, sono quattro anni che stiamo lì. Sono convinto che lotteremo fino alla fine, come dicevo ad inizio anno dieci squadre lotteranno per questo obiettivo".

Anche Riccardo Montolivo ha parlato ai microfoni di Sky: "E'stata una partita giocata bene da parte nostra, abbiamo rischiato poco o niente. Forse dovevamo chiuderla prima, ma una grande Fiorentina. Lo scorso anno fino a febbraio abbiamo fatto una grande annata, poi un pò così così. Quest'anno ho avuto una partenza così così poi da ottobre sono andato bene. E sono molto soddisfatto. La qualità viene fuori da sola, Prandelli mi chiede sostanza. Devo pensare più a far giocare gli altri che a me stesso. Spero di guadagnarmi la convocazione per il mondiale, ma ancora è lunga. Sono comunque molto sereno"