Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
03 marzo 2012

Ibra torna e distrugge il Palermo: il Milan vince 4-0

print-icon
zla

Seconda tripletta in carriera in Serie A per Ibrahimovic (Getty Images)

Al Barbera, nell'anticipo della 26.a giornata, i rossoneri travolgono la formazione di Mutti grazie ad una tripletta dello svedese nei primi 35 minuti. Nella ripresa sigillo di Thiago Silva. Gli uomini di Allegri aumentano il vantaggio sulla Juve: +3

DOSSIER: Errori ed orrori arbitrali in Serie A

FOTO: L'album della Serie A

PALERMO-MILAN 0-4
21', 31' e 35' Ibrahimovic, 58' Thiago Silva

Le pagelle

Guarda la cronaca


Lui, nella partita delle polemiche, non c'era. Lui non c'era perché era parte della polemica, e la polemica l'ha anche alimentata, a parole. Poi, arrivato il momento di chiudere le bocche e di tornare a fare rotolare il pallone, Zlatan Ibrahimovic è sceso in campo. E ha scolpito una partita da tramandare ai posteri. Tre gol in 35 minuti, Palermo annientato: due reti di sinistro, una di destro. Messaggio lanciato, lo stesso di quando vinse il secondo scudetto con l'Inter: voi parlate, io gioco.

Palermo-Milan è quasi tutto qui, in questo straripante Ibra che ha spaccato la partita: è la seconda tripletta per lo svedese in Serie A, dopo quella realizzata nel 2005 con la maglia della Juventus. Se nel primo tempo è stato un assolo dello svedese, la ripresa è servita ai rossoneri a legittimare la vittoria, con l'ingresso di El Shaarawy che ha ulteriormente fatto a fette la difesa rosanero: dal piede del piccolo faraone è partito l'assist per il 4-0 di Thiago Silva. Gli ultimi 10 minuti concessi a Inzaghi non sono serviti ad arrotondare il punteggio

E il Palermo? Pochissima roba. Solo Viviano si è salvato. E se il migliore è stato il portiere che ha incassato quattro reti, c'è poco da essere contenti. Mutti incassa un'altra sconfitta con un passivo di quattro reti. E se a Siena c'era l'alibi degli errori dell'arbitro, quella con il Milan è stato un vero e proprio disastro. Certo le assenze in difesa hanno pesato, ma l'incapacità di arginare Ibra è stata pagata a caro prezzo.

Per dare una cifra dell'impresa del Milan, che sale a +3 sulla Juve, c'è lo score del Palermo in casa in questa stagione: dieci vittorie e sole due sconfitte. Prima dell'arrivo di Zlatan. Che ha deciso di rimettere, come sempre, il suo marchio nella corsa verso lo scudetto.