FIGC Youth Lab, Brunelli: "Giovani vanno messi alla prova. Giusto avere fiducia in loro”

Calcio
figc brunelli ok

Youth Lab è il laboratorio di innovazione e calcio del Settore Giovanile e Scolastico della FIGC. Il segretario generale della Federazione ha condiviso le sue riflessioni sul tema della leadership, del calcio e del futuro: “La leadership si esercita e non si racconta”

“FIGC Youth Lab”, il laboratorio di innovazione e calcio del Settore Giovanile e Scolastico della FIGC, ha inaugurato le “Interviste al Leader”, facendo squadra con Marco Brunelli -segretario generale FIGC- che ha condiviso le sue riflessioni analitiche proprio sul tema della leadership, del calcio e del futuro.

Un dialogo inter-generazionale, spontaneo e serrato, lo spirito di questo webinar-incontro tra Marco Brunelli e 28 giovani (di cui 5 donne) selezionati dal Settore Giovanile e Scolastico per partecipare ad un programma di formazione in quanto eccellenze territoriali, innovatori/innovatrici e protagonisti/e del calcio giovanile.

Molteplici gli spunti di Marco Brunelli, che inizia con “la leadership si esercita e non si racconta”, continua formulando ipotesi sulla leadership e le sue articolazioni (curiosità, coraggio, credibilità, innovazione, fare squadra, forza della progettualità e traduzione/implementazione nello scaricare a terra le idee) e conclude il suo intervento con consigli organizzativi, di mentorship e di lettura.

Figc

La FIGC e la leadership sono state studiate, descritte e viste in prospettiva. “Credo sia necessario ma soprattutto giusto avere grande fiducia nei giovani perché se ne ricavano grandi vantaggi. Credo che i giovani vadano messi alla prova, vadano responsabilizzati, e credo che i giovani debbano avere il coraggio delle proprie idee e delle loro convinzioni. FIGC Youth Lab è un’iniziativa bellissima, e lo ho detto in tempi non sospetti. Non so se è la prima iniziativa al mondo su questi temi o la seconda, la terza, o la quarta, ma poco importa. L’importante è coinvolgere i giovani, guardare al futuro, avere al centro alcuni concetti basilari come sperimentazione, laboratorio e fare squadra. Io punterei molto e arricchirei la formula con tutto quello che può servire a diffondere le buone pratiche e a disseminare conoscenza. Ci sono tanti casi di best practices o casi di successo nel mondo dell’attività giovanile. Tante volte il nostro mondo esprime talenti migliori di ciò che ci raccontiamo comunemente e spesso non se ne ha sufficiente conoscenza. In realtà si cresce per contaminazione. Se si riesce a tradurre ed a scaricare a terra la parte teorica, a trasformare in azioni concrete quanto discusso, allora emergono le buone idee e la leadership”. Marco Brunelli ha concluso soffermandosi sui giovani come risorsa e sui giovani come obiettivo strategico per il futuro, “sono convinto che il SGS rappresenta un’eccellenza vera di questa Federazione”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche