Superlega, dalla Spagna ultimatum all'Uefa: "Annulli sanzioni contro Juve, Barça e Real"

DALLA SPAGNA

Ancora un ultimatum da parte del tribunale di Madrid all'Uefa per la questione Superlega. Come riportato da fonti spagnole, il giudice Manuel Ruiz de Lara avrebbe imposto all'organismo presieduto da Ceferin di annullare le sanzioni (per ora solo sospese) contro Juve, Barcellona e Real Madrid entro cinque giorni. In caso contrario, la Uefa sarebbe perseguibile legalmente

Dal tribunale di Madrid arriva un nuovo ultimatum all'Uefa sulla questione Superlega. Come riportato da diversi media spagnoli, il giudice Manuel Ruiz de Lara, titolare del 17° tribunale di Madrid, ha concesso al principale organismo del calcio europeo un termine di cinque giorni per annullare le sanzioni (per ora solo sospese) contro Juventus, Barcellona e Real Madrid, i club fondatori del progetto naufragato lo scorso aprile. Nel caso in cui il termine non venisse rispettato, la Uefa potrà essere perseguita legalmente

"Pratiche dell'Uefa compromettono il principio della libera concorrenza"

leggi anche

Juve, Barça e Real: Eca prova a ricucire strappo

Un ulteriore richiesta dunque, dopo che già nello scorso mese di luglio lo stesso tribunale aveva ordinato alla Uefa di "annullare, archiviare e chiudere i procedimenti disciplinari" avviati contro Juventus, Barcellona e Real Madrid e di "mettere fine al procedimento legale avviato contro la Superlega e alla sanzione di 100 milioni di euro in caso di mancato rispetto degli impegni dell'accordo con i club". Adesso, come riportato dalle fonti spagnole, Manuel Ruiz de Lara avrebbe imposto all'organismo presieduto da Aleksander Ceferin di annullare le sanzioni in quanto non sarebbe stato dimostrato il rispetto delle misure precauzionali concordate: "La Uefa si pone al di fuori dello stato di diritto - le parole del magistrato spagnolo -, promuovendo apertamente pratiche che compromettono il principio della libera concorrenza nel mercato rilevante per l'organizzazione delle competizioni calcistiche professionistiche nell'Unione europea". Sempre secondo il giudice "non basta un semplice annuncio di sospensione ma il provvedimento deve essere annullato. Anche in una situazione di sospensione provvisoria, il mantenimento dei procedimenti disciplinari manifesta gli effetti di pratiche anticoncorrenziali che l'ordine delle misure cautelari adottato intende fermare". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche