Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
05 ottobre 2008

Juve e Roma in tilt. Il Milan rallenta, l'Udinese scappa

print-icon
cag

Ill milansita Ronaldinho affrontato dal cagliaritano Pisano

I bianconeri cadono in casa contro il Palermo grazie al 2-1 firmato Michelidze e la banda Spalletti si arrende a Siena a un gol di Frick. I rossoneri fanno 0-0 a Cagliari nel posticipo, mentre i friulani si godono il primato. La Fiorentina c'è

GUARDA LA CRONACA DI TUTTE LE PARTITE

Si è chiusa con il pareggio senza gol tra Cagliari e Milan la sesta giornata si Serie A. Rossoneri a sprazzi e rossoblù che in un paio di occasioni (clamoroso il colpo di testa di Conti allo scadere) hanno rischiato di far ripiombare nella crisi la formazione allenata da Carlo Ancelotti. La gara del Sant'Elia è tutta qui, o quasi. Al Milan resta un bel carico di amarezza per non aver concretizzato le chance avute in area cagliaritana, per la scarsa vena di alcune delle sue stelle (Ronaldinho e Pato in particolare) e soprattutto per non aver dato continuità al trend positivo delle ultime settimane; una vittoria, infatti, avrebbe annullato in un batter d'occhio il poco entusiasmante avvio di stagione. Non resta allora che accontentarsi di un vecchio adagio pallonaro: un punto, per di più fuori casa, fa sempre morale. E poi c'è chi sta peggio. Vedi Roma e Juventus.

Lampo trovato da Del Piero che, tuttavia, non è bastato a salvare la Juve da una sconfitta che apre processi. Ci si aspettava Giovinco e, invece, dal match dell'Olimpico è emerso capitan Pinturicchio a pennellare una parabola che ha, inizialmente, pareggiato il gol di Miccoli, costretto a uscire per infortunio. Proprio quando la gara s'incanalava verso il pari (Juve in 10 con Sissoko espulso) il guizzo di Michelidze ha premiato con il successo gli uomini di Ballardini. Emozioni, gol e colpi di scena non sono mancati a Marassi dove il Genoa, in rimonta, ha avuto la meglio su un Napoli che aveva cominciato a spron battuto con il vantaggio di Lavezzi. Papastatopoulos, Gasbarroni e poi Milito hanno fissato il punteggio sul 3-2 (non è servito il gol di Denis nel finale) che rilancia i rossoblù in classifica ma che, per i partenopei, chiude, dopo il ko col Benfica, un ciclo di due gare con poca gloria.

Continua a stupire l'Udinese che, dopo aver rischiato molto al cospetto di un Toro coriaceo e andato anche in gol (annullato) con Bianchi, ha saputo approfittare con Quagliarella (doppietta), match winner e uomo del primato in classifica, raggiunto in coabitazione con Inter e Lazio. Una furbata di Montolivo concretizzata da Kuzmanovic è la fotografia della gara vinta dalla Fiorentina al Bentegodi contro un Chievo che ha tentato di portare a casa un risultato positivo. Nulla da fare e viola, senza Mutu, che rilanciano la sfida al campionato chiudendo sul 2-0, firmato Gilardino, la partita contro i gialloblù. Continua a respirare aria d'alta quota il Catania che impatta al 'Granillo' 1-1 con la Reggina. Per gli amaranto, a soli 2 punti, nuova settimana, due fino alla ripresa, di analisi e processi. Una doppietta di Cassano non è bastata alla Sampdoria per uscire vittoriosa da Bergamo. Floccari (due gol), Garics e Doni hanno risposto ai blucerchiati congelando il risultato sul 4-2 finale in favore dell'Atalanta. In serata la chiusura della giornata con Cagliari-Milan.