Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
29 novembre 2009

Ranieri: "Contento per la vittoria, ma non siamo ancora ok"

print-icon
mir

Mirko Vucinic esulta dopo il gol all'Atalanta

L'allenatore della Roma è felice dopo il successo conquistato a Bergamo contro l'Atalanta, ma chiarisce che dai suoi ragazzi si aspetta di più: "Non ci siamo, ancora dobbiamo trovare la quadratura. Sono contento per Vucinic". GUARDA TUTTI I GOL DELLA ROMA

GUARDA TUTTI I GOL DELLA ROMA

COMMENTA NEL FORUM DELLA ROMA

"Non ci siamo, ancora dobbiamo trovare la quadratura però portiamo a casa tre punti importanti". Claudio Ranieri non nasconde qualche perplessità sulla sua Roma nonostante l'1-2 con cui Totti e compagni hanno espugnato il terreno dell'Atalanta. "Loro, dopo il ko con il Lumezzane in Coppa Italia ed il ritiro, sono partiti a spron battuto - commenta il tecnico giallorosso a SKY -. Noi abbiamo reagito bene ma alla prima indecisione abbiamo preso gol. La vittoria è meritata, volevamo cominciare con il piede giusto una settimana che ci porterà giovedì a disputare una partita, se non decisiva, sicuramente importante con il Basilea e poi la domenica il derby con la Lazio".

Un plauso particolare va a Mirko Vucinic, autore dell'1-1 e dell'assist decisivo per Perrotta, un attaccante che Ranieri ha sempre schierato, anche quando non riusciva proprio a centrare la porta: "I giocatori bravi sono sempre importanti, danno qualcosa in più. Poi se qualcuno non ha continuità, sta all'allenatore cambiarli: Vucinic, però, doveva essere supportato perché veniva da uno stop per infortunio e doveva giocare. E fin quando ci regalerà queste perle...". I tre punti incassati in terra orobica rilanciano i giallorossi verso quel quarto posto, occupato da Parma, che ora dista solo tre punti. "Però c'è ancora da lavorare molto - insiste l'ex allenatore di Chelsea e Juventus - perché né io né la squadra siamo contenti. Ci sono dei meccanismi non ben registrati. Dove? Visto che prendiamo sempre gol, non è difficile immaginare a quale reparto mi riferisco", conclude Ranieri, facendo così capire che la nota dolente della Roma di oggi è il reparto arretrato.