David Villa si ritira: "Devo essere io a lasciare il calcio, non il calcio a lasciare me"

Calcio

L'attaccante spagnolo, oggi al Vissel Kobe, annuncia il ritiro: "Lascerò il calcio a gennaio, prima voglio vincere la Coppa dell'Imperatore". Poi sulla decisione: "Erano anni che ci pensavo, il corpo non ti avvisa. Ma ora è arrivato il momento giusto"

Idee chiare, precise e la data del ritiro già fissata: "Non l’ho ancora fatto, ma lo farò il 2 gennaio dopo aver vinto la Coppa dell’Imperatore". David Villa si concentra sull’ultimo trofeo da conquistare con la maglia dei giapponesi del Vissel Kobe, un nuovo successo per chiudere una carriera straordinaria che lo ha visto toccare i picchi più alti con Valencia, Barcellona e con la nazionale spagnola. Adesso, però, anche per ‘El Guaje’ (compirà 38 anni il prossimo 3 dicembre) sta per arrivare il momento dell’addio: "Devo essere io a lasciare il calcio, non voglio che sia il calcio a lasciare me. Erano anni che ci pensavo. Quando si arriva a una certa età, il ritiro può giungere in ogni istante. Ci ho pensato e ne ho parlato con i miei cari e ho capito che non è facile", ha ammesso David Villa in conferenza stampa. L’attaccante del Vissel Kobe, squadra dove gioca anche il suo grande amico Iniesta, ha poi spiegato le ragioni della sua decisione: "Il corpo non ti avvisa, io rinnovavo di anno in anno dopo aver visto cosa avevo combinato in stagione. E stavolta il pensiero che fosse il momento giusto mi è venuto più volte. È una decisione rischiosa quella che mi sono imposto e non certo una che si prende in un paio di giorni. Ma ne ho discusso con le persone che mi conoscono e mi vogliono bene e l’ho presa quest’anno". Villa che sembra avere le idee chiare anche per quanto riguarda il post ritiro: lo spagnolo infatti ha annunciato l’acquisto del Queensboro FC, club che dal 2021 giocherà nella USL, la seconda divisione del calcio professionistico USA.

 

Quanti trionfi in carriera

Tre volte campione de La Liga (due con il Barcellona e una con l’Atletico Madrid), una Champions League alzata al cielo con la maglia blaugrana nella stagione 2010/2011, un Mondiale per Club sempre con il Barcellona, poi 3 Supercoppe di Spagna e tre Coppe del Re: sono questi i titoli conquistati da David Villa con le squadre di club. Ma i trofei ancora più pregiati della sua bacheca sono quelli vinti con la maglia della nazionale spagnola, di cui Villa è il miglior marcatore di sempre: l’Europeo nel 2008 e il Mondiale del 2010. Ora ‘El Guaje’ – che in carriera ha indossato tre le altre le maglia di Valencia, Barcellona e Atletico Madrid – ha messo nel mirino la Coppa dell’Imperatore: l’ultimo trofeo in palio di una carriera da applausi.

I più letti di calcio